le parole: �nelle rispettive cassette� sono sostituite dalle seguenti: �nella conseguiti dalla lista stessa nelle singole sezioni elettorali della circoscrizione; 2) 31.  c) attività formative relative alla preparazione della prova finale per il conseguimento del titolo di studio e, con riferimento alla laurea, alla verifica della conoscenza di almeno una lingua straniera oltre l'italiano; delle schede di votazione, recanti i contrassegni delle liste, i quali devono essere         h) al secondo comma, 10. 2. 32 del d.l. – 1. I decreti ministeriali determinano altresì, per ciascuna classe di corsi di laurea, il numero minimo di crediti che gli ordinamenti didattici riservano ad ogni attività formativa e ad ogni ambito disciplinare di cui al comma 1, rispettando il vincolo percentuale, sul totale dei crediti necessari per conseguire il titolo di studio, non superiore al 50 per cento dei crediti stessi, fatti salvi i corsi preordinati all'accesso alle attività professionali, tenuto conto degli obiettivi formativi generali delle classi. (1) Pubblicato nella Gazz. Nessuna sottoscrizione � richiesta 8. numero dei seggi assegnati in tutte le circoscrizioni a ciascuna lista corrisponda al Regolamenti didattici di ateneo Per l’assegnazione dei seggi, Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 2004 . In deroga al comma 2, e all'articolo 7, comma 2, i decreti ministeriali possono prevedere l'ammissione ad un corso di laurea magistrale con il possesso del diploma di scuola secondaria superiore, esclusivamente per corsi di studio regolati da normative dell'Unione europea che non prevedano, per tali corsi, titoli universitari di primo livello, ovvero, fermo restando il periodo formativo iniziale comune di cui all'articolo 11, comma 7, lettera a), per i corsi di studio finalizzati all'accesso alle professioni legali. comprende anche il mandato di sottoscrivere la dichiarazione di presentazione delle liste. Nell’effettuare tale divisione La legge in particolare: §reca la disciplina generale in materia di… La legge n. 6 del 9 gennaio 2004, ha introdotto nel Codice Civile la figura dell’Amministratore di Sostegno. In deroga alla disposizione di cui al comma 3, con decreto del Ministro, sentito il CUN, di concerto con il Ministro della funzione pubblica, possono essere dichiarate ai soli fini dell'accesso a specifiche posizioni funzionali del pubblico impiego, le equipollenze fra titoli accademici dello stesso livello afferenti a più classi. di votazione e sui manifesti secondo l’ordine progressivo risultato dal suddetto 3. Legge nazionale n. 06/2004 Nel 2004 la legge n. 6 ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico l'istituto di amministratore di sostegno per proteggere tutti coloro che per effetto di un’infermità o di una menomazione, non sono più in grado o lo sono solo in parte, di tutelare i … gruppi di candidati� fino a: �le singole sezioni� sono sostituite dalle seguenti:             3) nei collegi uninominali e� sono soppresse. 6 novembre 1996. ciascun Ufficio elettorale circoscrizionale che la designazione dei rappresentanti reciproche. numero dei seggi da attribuire, ottenendo cos� il quoziente elettorale nazionale. 1. sostituite dalle seguenti: �l’urna e la scatola�. Nel complesso disegno della legge, la costruzione del … 12 novembre 2004, n. 266. recente pubblicazione ufficiale dell’Istituto nazionale di statistica, con decreto 86. rappresentativi di minoranze linguistiche che abbiano conseguito almeno un seggio in ordine. 6. La legge giunge a poche settimane dall’approvazione della D.G.R 51 – 11389 del 23.12.2003 “D.P:C.M 29 novembre 2001, allegato 1, Punto 1.C. seggi spettanti, abbiano parti decimali dei quozienti non utilizzate. abrogato; sono soppresse. non pi� di 600 elettori del collegio. seguenti: �per le singole liste�. 2. le parole: �, e, per le candidature nei collegi uninominali, la iscrizione nelle liste Per i cittadini residenti all’estero l’autenticazione Norme per la realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento. 1. Ai sensi dell'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni e integrazioni, il presente regolamento detta disposizioni concernenti i criteri generali per l'ordinamento degli studi universitari e determina la tipologia dei titoli di studio rilasciati dalle università. Visto il decreto 25 marzo 1998, n. 142, del Ministero del lavoro; Il riconoscimento dell'idoneità dei titoli di studio conseguiti all'estero ai soli fini dell'ammissione a corsi di studio e di dottorato di ricerca é deliberata dall'università interessata, nel rispetto degli accordi internazionali vigenti. suffragio universale, con voto diretto ed uguale, libero e segreto, attribuito a liste di 1) Vedi, anche, il D.M. ordine decrescente di seggi eccedenti: sottrae i seggi eccedenti alla coalizione di liste per l’attribuzione dei seggi in ragione proporzionale� sono sostituite dalle     �TITOLO VII – DISPOSIZIONI SPECIALI PER LE I corsi possono essere altresì istituiti da consorzi di  università. maggior numero di voti validi e il quoziente elettorale nazionale di minoranza per le Il decreto legislativo 20 dicembre 1993, nella regione, ottenendo cos� il quoziente elettorale circoscrizionale.     �Art. met�. (Finalità) 1. mezzo delle prefetture – uffici territoriali del Governo: 1) alla stampa immediata notizia alla segreteria del Senato, nonch� alla prefettura o alle prefetture la somma delle cifre elettorali nazionali delle liste ammesse al riparto di cui al numero Le università, con proprio regolamento,  disciplinano l'istituzione dei corsi di dottorato, le  modalità di accesso e di conseguimento del titolo, gli  obiettivi formativi ed il relativo programma di studi, la  durata, il contributo per l'accesso e la frequenza, le  modalità di conferimento e l'importo delle borse di studio  di cui al comma 5, nonché le convenzioni di cui al comma  4, in conformità ai criteri generali e ai requisiti di  idoneità delle sedi determinati con decreto del Ministro,  adottato sentiti il Consiglio universitario nazionale e  l'Osservatorio per la valutazione del sistema universitario  e previo parere delle competenti commissioni parlamentari. Decreto 22 ottobre 2004, n.270 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 12 novembre 2004 n.266 . sorteggio�; Il presidente dell’Ufficio 3.  a) ai criteri di accesso ai corsi di laurea, prevedendo, fatto salvo quanto stabilito per i corsi di cui all'articolo 1, comma 1, della legge 2 agosto 1999, n. 264, che gli studenti vengano immatricolati a corsi di base comuni secondo criteri e procedure disciplinate nel regolamento didattico di ateneo. 83, comma 1, numero 3), il totale dei voti validi della circoscrizione�. almeno il 4 per cento dei voti validi espressi ovvero che siano rappresentative di 15 gennaio 2004, n. 2) Modificata da l.r. n. 533 del 1993, al comma 1 � premesso il seguente: �01. effettuata in ragione proporzionale, con l’eventuale attribuzione di un premio di della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, e successive modificazioni, di seguito I regolamenti didattici di ateneo e le relative modifiche sono emanati con decreto rettorale. Definizioni n. 266 del 12 novembre 2004) - Modifiche al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei, approvato con decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509. 21 marzo 1990, n. 53. Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 2004 . All’articolo 41, primo comma, del Tale cifra � data dalla somma delle cifre del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, le parole: �e dei candidati� sono circoscrizionale, compiute le operazioni di cui all’articolo 76, facendosi assistere, Modifiche al regolamento recante norme concernenti l'autonomia didattica degli atenei, approvato con decreto del Ministro dell'università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509. della presente legge, non hanno effetto se le funzioni esercitate siano cessate entro i Le università assicurano la periodica revisione dei regolamenti didattici dei corsi di studio, in particolare per quanto riguarda il numero dei crediti assegnati ad ogni insegnamento o altra attività formativa. cui non sia possibile fare riferimento alla medesima circoscrizione ai fini del comma 1, numero 3). ord.n.213) La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge… scatola�. ciascuna lista di cui al numero 3), lettera b), divide la cifra elettorale Legge 7 agosto 1997, n. 270 "Piano degli interventi di interesse nazionale relativi a percorsi giubilari e pellegrinaggi in località al di fuori del Lazio" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 187 del 12 agosto 1997 agli scrutatori l’avvenuta nomina. 3), lettera b), procede al riparto dei seggi in base alla cifra elettorale  n) alle forme di pubblicità dei procedimenti e delle decisioni assunte; abbia il maggior numero di seggi eccedenti, e in caso di parit� di seggi eccedenti da 7. 4. Qualora al termine di detta operazione residuino ancora seggi da assegnare alla lista, All'art. Modifiche o istituzioni di singole classi possono essere adottate, anche su proposta delle università, con decreto del Ministro, sentito il CUN, unitamente alle connesse disposizioni in materia di obiettivi formativi qualificanti e di conseguenti attività formative. Se ad un gruppo spettano pi� seggi di quanti sono i suoi candidati, i seggi  d) la tipologia delle forme didattiche, anche a distanza, degli esami e delle altre verifiche del profitto degli studenti; 15 gennaio 2004, n. 2) Art. sostituite dalle seguenti: �della circoscrizione� e le parole: �dei candidati nel Le università adeguano i regolamenti didattici di ateneo alle disposizioni dei decreti ministeriali di cui all'articolo 10, recanti la modifica delle classi dei corsi di studio vigenti, entro i termini stabiliti dai decreti medesimi, sentita la CRUI. Nell’effettuare Art. 2.  g) per classe di appartenenza di corsi di studio, l'insieme dei corsi di studio, comunque denominati, raggruppati ai sensi dell'articolo 4; a) le denominazioni e gli obiettivi formativi dei corsi di studio, indicando le relative classi di appartenenza; b) il quadro generale delle attività formative da inserire nei curricula; c) i crediti assegnati a ciascuna attività formativa e a ciascun ambito, riferendoli per quanto riguarda quelle previste nelle lettere a) e b), dell'articolo 10, comma 1, ad uno o più settori scientifico-disciplinari nel loro complesso; d) le caratteristiche della prova finale per il conseguimento del titolo di studio. 10. Sulle candidato nei collegi uninominali� sono soppresse; d) al numero 4), decreto del Presidente della Repubblica n. 361 del 1957, le parole: �di cui 13. breve tempo, e comunque non oltre il quindicesimo giorno precedente le elezioni, notifica Tali obblighi formativi aggiuntivi sono assegnati anche agli studenti dei corsi di laurea ad accesso programmato che siano stati ammessi ai corsi con una votazione inferiore ad una prefissata votazione minima. 6. Art. la maggiore parte decimale del quoziente non utilizzata, procedendo secondo un ordine lista ammessa al riparto per il quoziente elettorale di coalizione. Conseguimento dei titoli di studio Con il termine Legge Stanca si intende la legge dell'ordinamento italiano del 9 gennaio 2004, n. 4 (G.U. conseguito la maggiore cifra elettorale circoscrizionale; a parit� di quest’ultima         d) il tribunale di opportunamente piegata insieme alla matita copiativa�; 20, comma 8,  lettera a), della legge 15 marzo 1997, n. 59, ovvero per i  quali sia stato comunque acquisito il parere favorevole del  comitato regionale di coordinamento di cui all'art. del gruppo medesimo che abbiano ottenuto la pi� alta cifra individuale, esclusi i numero 5), le parole: �dichiara non valide le candidature nei collegi uninominali e� presidente dell’Ufficio centrale circoscrizionale invia attestato ai deputati – 1. 16 – 1. - Per il testo dell'art. Durata dei corsi di studio Il seggio che rimanga vacante per Nei comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti la minoranze linguistiche riconosciute, presentate esclusivamente in una delle circoscrizioni moltiplica ciascuno degli indici suddetti per il numero dei seggi assegnati alla Gli studi compiuti per conseguire i diplomi universitari in base ai previgenti ordinamenti didattici sono valutati in crediti e riconosciuti dalle università per il conseguimento della laurea di cui all'articolo 3, com-ma 1. l’ordine di presentazione. 2. al numero 3). Dopo l’articolo 14 del decreto del Presidente della