Il contratto editoriale. Negli anni ne ho viste e sentite davvero tante.  Quando si scrive un libro è ovvio, normale e naturale pensare a pubblicarlo. Scarica subito la risorsa gratuita dedicata al contratto editoriale e leggila con attenzione per evitare trappole. Partecipare ad eventi letterari ed editoriali per incontrare gli editori. Il fondatore del sito è Andrea Mucciolo e lui sì che è riuscito a pubblicare senza contributo. Qua sotto troverete elencate le 13 principali case editrici italiane che pubblicano fantasy. A, Come puoi scrivere la sinossi del tuo romanzo. Ci sono indubbiamente delle caratteristiche che denotano una casa editrice seria, onesta. Iniziò così una bella collaborazione. Disegnavo, scrivevo, immaginavo solo per me ed il mio diletto, pensando in cuor mio che le mie storie non sarebbero mai interessate a nessuno. Purtroppo poche case editrici (free e non) si fanno carico dell’editing perché è un lavoro lungo e costoso. È facile capire chi sono. Penso che dovremmo vedere anche questa realtà. Quindi è normale che pensino di pubblicare. Case editrici free specializzate in narrativa per bambini e adolescenti. In questo caso è l’editore che ti seleziona; 2) puoi selezionare un elenco di case editrici gratuite potenzialmente idonee a pubblicare il tuo romanzo e proporti con cortesia, gentilezza e professionalità; 3) puoi partecipare a uno speed date letterario e presentare il tuo romanzo direttamente all’editor di casa editrice o all’editore. Quello però che puoi fare fin da subito è lavorare giorno dopo giorno nel modo giusto, studiare nuovi modi per rendere originale il tuo romanzo, imparare dalle critiche e accettare i rifiuti. Il giorno del mio compleanno scrissi una lettera. La cosa più importante è aver scritto un testo di qualità. Mi dispiace. Ci vuole del tempo per migliorare lo stile, imparare a dare alle storie una buona struttura, creare personaggi efficaci, esprimersi con un linguaggio adatto a ciò che narriamo. Case editrici per esordienti. Sì perché non vi è esame più ostico che quelloÂ. Non ho mai creduto fortemente a qualcosa di mio, ma questa volta era diverso. Evita di spammare il tuo romanzo nella casella e-mail di tutti gli editori italiani. Web site description for caseeditrici.eu is Elenco delle case editrici italiane per autori esordienti. from the story Lista Case Editrici e Non Solo by Graziaceleste with 199 reads. Sentivo le guance roventi e per un paio di volte dovetti fermarmi a prender fiato. L’atto stesso dello scrivere è un modo di uscire da se stessi, di comunicare con l’esterno. Qua sotto troverete elencate le 13 principali case editrici italiane che pubblicano fantasy. Per la promozione del libro le cose vanno anche peggio ma, dalle testimonianze che ho raccolto parlando anche con i librai, anche le grandi CE non fanno promozione se non sei già qualcuno (basta affondare una nave o andare al grande fratello). In questa risorsa troverai tutto quanto previsto dalla legge e che dovrai verificare nel contratto che ti verrà sottoposto. Naturalmente non parlo di case editrici a pagamento, quelle sono da evitare senza riserve. Case editrici migliori SENZA CONTRIBUTO. Voi non siete dei clienti, siete professionisti che “vendono” e non “comprano” la propria opera. Perseveri. Vediamo alcuni step da cui non si può prescindere. E così è trascorsa gran parte della mia esistenza, sopraffatta dalla quotidianità, che con le sue piccole eÂ. I campi obbligatori sono contrassegnati *. Erano le più lusinghiere che circolavano nel mio cervello paranoico. Resta inoltre il metodo, più casereccio ma pur sempre efficace, di auto inviarsi via posta il testo stampato, in busta chiusa, sigillata (meglio se con ceralacca).Â. Va peggio per la poesia e neanche le cosiddette arti cinematografiche non hanno più un vasto pubblico. Nel mondo editoriale italiano ci sono un’infinità di case editrici per pubblicare un libro di narrativa. Ma l’ora giunse e tremante mi diressi verso la prova più importante di tutte. Buongiorno, ho trovato utili i consigli, se non altro disinteressati.. Anche io ho pubblicato con un contributo presso una casa editrice abbastanza nota. Se avete scritto un romanzo fantasy e vi state domando a chi potrebbe interessare, siete nel posto giusto! Non ero sicura che potesse piacere anche agli altri. All’inizio di Luglio inviai il romanzo e circa due settimane dopo una email del dottor Fanucci in persona mi informò che gli era piaciuto e che voleva sottopormi una proposta contrattuale. Si ricordi che può sempre chiedere la liberatoria. In genere – ne ho incontrati molti così – scrivono davvero per passione e per il pubblico, sono preparati e determinati. La partecipazione attiva e la presenza della casa editrice ad eventi, fiere, festival di settore è indispensabile per far circolare il libro. Ci sono elenchi di case editrici che accettano di valutare opere inediti di inesperti sa cui potete prendere spunto. Ma sentivo che non era pronto, mancava qualcosa, lo sentivo grezzo. Io le sto cercando nei meandri di quelle case editrici ‘monster’ perchè sono convinta che esistono. Analizzate e leggete bene il sito, c’è sempre una parte riservata alle modalità di invio manoscritti: c’è chi vuole solo la sinossi (per questo è importante scriverla bene), chi sinossi ed estratto del testo, oppure sinossi e testo completo, oppure solo il testo. Purtroppo poche case editrici (free e non) si fanno carico dell’editing perché è un lavoro lungo e costoso. Il desiderio che avevo espresso l’anno precedente si compì con un po’ di anticipo. Poi, divenni brava ad imitarli. IP is 62.149.128.72 on Apache works with 1907 ms speed. Ci sono almeno tre strade per trovare un editore disposto a pubblicare il tuo romanzo: 1) puoi arrivare a pubblicare con una casa editrice di alto livello dimostrando prima il tuo valore con il self publishing. A parte che in questo caso non esiste nessuna vera casa editrice ma la questione è surreale. Se non hai un metodo di progettazione narrativa, ma ti affidi all’improvvisazione e scrivi di getto, ti consiglio fortemente di cambiare strada. Una domanda che dovresti porti, Gli elementi fondamentali che non possono mancare in un buon, Paura gioia rabbia serenità odio amore, qual è il sentimento, Nel ciclo creativo di un romanzo i beta reader sono, Spesso l’incipit incide sul processo decisionale di un lettore. Persevero nella ricerca speranzoso. Solitamente gli autori esordienti che scrivono libri non hanno per nulla chiaro tutti gli aspetti del mercato e cosa consente alle loro opere, capolavori o insignificanti che siano, di essere letti. Durante la mia ricerca di una casa editrice free che mi permettesse di realizzare il mio sogno, pubblicare il mio primo romanzo, ho attentamente stilato, scrutando in rete, una mia personale lista di case editrici che non chiedono alcun contributo all’autore. Quindi non rinunciate mai ai vostri progetti, perché la vostra fetta di felicità è lì nascosta in qualche brandello di futuro, pronta a farsi sbranare da voi! Confrontarsi con altri autori che hanno già pubblicato entrando in gruppi e forum. ... Il problema è che tutte queste proposte sono con contributo. Domande del tipo: che ci faccio qui? Non riuscivo a dare il meglio, ero impacciata perché la mia timidezza mi imbrigliava e tormentava ad ogni parola. Quella sera stessa contattai Stefania, una editor di romanzi freelance, che mi aveva colpito con i suoi video e con il suo viso incapace di mentire. L’ipotesi era da escludere. Ho partecipato a vari premi letterari, ottenendo in due casi riconoscimenti di merito, ma mai proposte editoriali. Dovrebbe essere anche associato AIE, Associazione Italiana Editori e questo si verifica sul. In molti mi domandano come tutelare i diritti del manoscritto per evitare il rischio di plagio quando viene inviato ad un editore. Non è proprio vero quello che scrivi. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I giovani poi…telefonini…computer…gite scolastiche…scuola come surplus…raccomandati con le corsie preferenziali. Case Editrici non a pagamento – No EAP L’editoria a pagamento (EAP) , o “Vanity Press”, è un fenomeno ancora diffuso nel panorama editoriale italiano. Mi rendo conto che oggi la concorrenza per arrivare a un editore è veramente spietata. Ma sentivo che non era pronto, mancava qualcosa, lo sentivo grezzo. Forse questo dev’essere trapelato perché mi fu chiesto il romanzo intero in lettura ed io uscii da quella stanza con un grosso sorriso stampato in volto e le gambe tremolanti. Si aggiunga che il romanzo, come concepito fino a qualche decennio fa, non interessa. Si aggiunga la carenza di critici letterari di alto livello che vogliano scoprire veri scrittori. - Margine di età? Credo avvenga lo stesso ad un architetto quando visiona una casa in cui c’è molto da rifare (i pavimenti, i bagni, gli spazi) ma lui vede già avanti, nella sua immaginazione la casa assume la forma finale, esplica le sue potenzialità. Ci sono un sacco di businessman che gestiscono case editrici per puro guadagno. Iscriviti e Ricevi Subito in Regalo 2 Report Tecnici per Migliorare il Tuo Romanzo in Totale Autonomia! Stefania lesse la lettera, non ricordo se il giorno dopo o quello dopo ancora, e mi chiese di inviarle alcuni capitoli. Ero indecisa ma ho accettato. Ma ci sono tanti fattori da analizzare con calma. Ora ho tra le mani un vero contratto editoriale e il mio romanzo fra non molto verrà pubblicato. Se avete scritto un romanzo fantasy e vi state domando a chi potrebbe interessare, siete nel posto giusto! Alla fine di questo articolo potrete scaricare la risorsa gratuita che contiene il modello di un contratto editoriale previsto dalla normativa. Ho scritto addirittura un Vademecum per scrittori esordienti, lo trovate nell’articolo dedicato alle caratteristiche che dovrebbe possedere gli esordienti. In numerosi casi l’editore e l’agente non avrebbero potuto fare diversamente. Come trovare case editrici per esordienti (senza contributo) Una storia straordinaria quella di Teresa, non credi? Scrivo poesie, genere ancora più inflazionato ai giorni nostri… Sono intimista, ma ho compreso che contengono un messaggio anche universale che vorrei comunicare. Prevedo di laurearmi a luglio e sto attualmente lavorando alla mia tesi che sarà incentrata sulle possibili applicazioni dello storytelling transmediale all'editoria italiana per ragazzi. Ma vediamo quali aspetti dovreste verificare dell’editore a cui pensate di rivolgervi o vi siate già rivolti. Attendo le vostre risposte. Il giorno del mio quarantatreesimo compleanno, soffiando le candeline mi convinsi: c’era un ultimo passo da fare e andava fatto! Se vuoi iniziare a progettare il tuo romanzo nel modo giusto, segui Progettazione su Misura, è l’unico corso in grado di aiutarti in modo concreto. Case editrici per esordienti: fare attenzione Primo comandamento che l’esordiente deve imparare – a memoria – quando inizia a cercare una casa editrice: fare attenzione. Se non hai un metodo di progettazione narrativa, ma ti affidi all’improvvisazione e scrivi di getto, ti consiglio fortemente di cambiare strada. Disegnavo, scrivevo, immaginavo solo per me ed il mio diletto, pensando in cuor mio che le mie storie non sarebbero mai interessate a nessuno. Che cosa deve fare un autore, un’autrice, per presentarsi nel modo giusto all’editore? Io nel mio piccolo ogni fine settimana invio una newsletter nella quale condivido consigli pratici, idee e strategie estrapolate dalla mia attività giornaliera di editor professionista. La cosa migliore è far valutare la tua idea e vedere come strutturarla. Mi piaceva moltissimo. E da esordiente quale sono non c’era giorno che non imparassi cose nuove! Spetta all'autore, dopo la pubblicazione, impegnarsi per … Prima di cominciare ascrivere, c’è qualcuno che possa dare delle dritte e aiutare proprio nel percorso di elaborazione del testo? L’editore deve sottoporvi un contratto editoriale vero. Il rischio è basso, molto basso. L’importante è valutare bene qualunque proposta e non affidarsi ad un editore prima di aver verificato bene. Il giorno in cui Teresa ha sostenuto il suo speed date letterario c’erano tantissimi scrittori desiderosi di ricevere dall’editore una proposta, ma la scelta è ricaduta su di lei. Io nel mio intimo rifiutavo quest’ipotesi: e chi aveva il coraggio di esporsi? La casa editrice è un’impresa a tutti gli effetti e come tale deve potersi sostenere con i propri mezzi. Naviga e naviga ho scoperto una lista di case editrici per esordienti che non richiede contributo di pubblicazione e indovinate un po'? Case editrici senza contributo = serietà? La presenza di un catalogo è altro elemento imprescindibile: la casa editrice può essere giovane e quindi non aver ancora inserito in catalogo un gran numero di titoli ma tenete come parametro il fatto che almeno 4-5 titoli l’anno dovrebbe pubblicarli. Io penso che chi si pone queste domande sbaglia in partenza. Aspetto da valutare perché non può mancare un vero e proprio progetto culturale. Ma è anche questione di amor proprio e di difesa di un lavoro prezioso e creativo come quello dello scrittore. Il mercato dell’editoria è saturo. L’editore stesso ha contattato gli esordienti e parlo di grandi nomi dell’editoria attratti sia dalla tematica, dalla qualità della scrittura e della comunicazione ma anche da una numerosa e attiva presenza di follower. E così è trascorsa gran parte della mia esistenza, sopraffatta dalla quotidianità, che con le sue piccole e grandi problematiche ha sempre avuto la meglio. Credo fermamente che i compleanni siano dei giorni speciali. Costruivo finte bacchette e replicavo i sortilegi, da sola nella segretezza della mia cameretta, perché sì, mi sentivo stupida; assai stupida e il giudizio degli altri mi spaventava. A quale casa editrice invio la mia opera? Affidarsi ad un editor o ad un vero agente letterario è un modo per arrivare a case editrici affidabili. Le grandi case editrici, tranne rare eccezioni, snobbano a priori gli esordienti. CASE EDITRICI CHE PUBBLICANO ESORDIENTI ED ALCUNE SENZA CONTRIBUTO A ... Aradia Edizioni Esordienti senza contributo B Barbieri Editore Bastogi Editrice Bel Ami Edizioni Boopen C Caravaggio Editore Carello Editore Casa dei sognatori Chiaraluna Edizioni … Ma per lo più so ben individuare le potenzialità di un testo. Ci sono Case editrici serie che sono fatte da esordienti come noi e che legittimamente possono chiedere un contributo ragionevole, offrendoti però un servizio a tutto tondo. Se ti può essere utile contattami alla mia email info@alessandraperotti.com, Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. L’editoria a pagamento (EAP), o “Vanity Press”, è un fenomeno ancora diffuso nel panorama editoriale italiano.Una casa editrice è a pagamento se chiede all’autore un contributo economico, più o meno mascherato, al fine di impegnarsi nel processo di revisione, editing e di distribuzione dei suoi libri. Parlerò soprattutto di Young Adult. Il mercato dell’editoria è saturo. I suoi consigli dispensati sui social erano utilissimi, e per me che volevo far parte del mondo editoriale erano a dir poco una manna. 15 - Pensa con chi hai a che fare! Sapete che cosa è accaduto in molti di questi casi? Per cercare altre case editrici basta scegliere la singola lettera iniziale nei link riportati nel menu generale. Last but not least, il riferimento alla proposta editoriale "facile", che puzza molto, ma molto da editoria a pagamento. Oggi sempre più editori cercano gli autori sui social, osservando come si presentano, come sanno promuovere la loro opera, creare legami con il pubblico dei lettori. Spesso ci vogliono anni prima che qualcuno noti e apprezzi il tuo romanzo. Beh, non è nulla di scientificamente provato, ma questa è un’idea che mi è sempre piaciuta e, con tutte le brutture che ci sono a questo mondo, ben venga qualcosa che rallegri l’animo! Come commensali diversi per sesso e età, che mangiano tutti allo stesso tavolo . Evitate di scrivermi editorie a pagamento. Il giorno del mio quarantatreesimo compleanno, soffiando le candeline mi convinsi: c’era un ultimoÂ. Le case editrici possono scriverci per chiarire la loro politica verso i nuovi autori. Anche per sapere se vale la pena investire nella storia che si ha in testa? lavorano molto sulla loro opera, sono motivati, vogliono fare bene. Presentarsi ad un editore: fallo nel modo giusto, Il contratto editoriale: ecco che cosa deve prevedere, Scrivere lettere d’amore: una pratica da non trascurare, Come promuovere un libro e raggiungere il tuo pubblico, Come scrivere un incipit che funzioni davvero, Scrivere il futuro: la scrittura della consapevolezza, Come presentare un libro ad un editore: consigli utili, L’editore in questione dovrebbe, come prima cosa, configurarsi come editore a tutti gli effetti con un ISBN (International Serial Book Number) che lo identifichi. Infine, la moltitudine degli anziani si stanca di meno non leggendo, ma ascoltando i bla-bla televisivi. PubMe Editore è una vero e proprio polo di editori non a pagamento per esordienti. Sono certa che ti aiuteranno a migliorare in breve tempo il tuo metodo di progettazione e la tua scrittura narrativa. Data per appurata la qualità del testo bisogna valutare a quali editori ci si stia rivolgendo. Non ho mai creduto fortemente a qualcosa di mio, ma questa volta era diverso. corrono un unico grande rischio, quello di farsi prendere dalla smania di pubblicare e accettare condizioni discutibili quando non truffaldine.Â. Ci sono un po’ ovunque, sparsi per il web, consigli per gli esordienti: come scrivere e confezionare un romanzo di successo e soprattutto a quali case editrici inviarlo.