Core mio, turnato io sò Torna maggio e torna ammore, Fa de me chello che vuò! Tutt’ ‘e ssere, pe’ copp’a ll’ásteco, Vène a ll’ùnnece a passiggiá. Successivamente nel ‘600 si afferma la tarantella, tutt’ora ancora famosa, per molti essa nasce dall’incontro di due danze, la moresca araba e il fandango spagnolo, mentre per altri deriva dal ballo pugliese della taranta. Nun ce lassammo chiu, manco pe n’ora Stu desiderio ‘e te mme fa paura Campà cu te, sempre cu te, pe’ nun murì. Che ce dicimmo a fa parole amare Si ‘o bbene po’ campà cu nu respiro? Va da sé che il binomio Pisano-Cioffi è legato anche a ‘Na sera ‘e maggio, la più famosa delle loro composizioni. Carmela è na bambola, E fa ‘ammore cu me. Ma è vero o nun è vero ca so’ turnato a Napule? Vène a ll’ùnnece a passiggiá. LE CANZONI NAPOLETANE In questa sezione del sito troverai tutti i testi delle più famose canzoni (divise e organizzate in ordine alfabetico) che hanno fatto la … ‘I me vurria addurmi’ ‘I me vurria addurmi’ Vicino ‘o sciato tujo N’ora pur’i’! Dimmello… O pure suonne a n’ato? E cu ‘a scusa ch’è na sunnambula, Chesta bambola, nèh, che fa. Appila, sié’ maesta: Ca ll’arta toja è chesta Lo dico ‘mmeretá. Pígliate na pastiglia, Siente a me! Ah! Ll’aggio visto p’ ‘a strata Cammenà core a core cu’ n’ata E, rerenno, parlaveno ‘e te. (Voglio a’ te’.) In questo post a cura di Napoli Fans, vi parleremo di quelle che sono le canzoni napoletane famose e più conosciute di tutti i tempi, quelle che ancora ad oggi ci si stringe il cuore ad ascoltarle. CANZONI NAPOLETANE ANTICHE : ‘NA MMASCIATA (FILOMENA) Tra le tante canzoni napoletane antiche, questa ha nascita e genitori certi. La composero Del Preite e Labriola nel 1863. Recòrdate lo juorno Ca stive a me becino, E te scorréano, ‘nzino, Le llacreme, accossí!… Deciste a me: “Non chiagnere, Ca tu lo mio sarraje…” Io te voglio bene assaje… E tu non pienze a me! Nun fa pe’ me!” Ah, Lazzarella, ventata ‘e primmavera! Vocche ca vase nun ne vonno Nun so’ sti vvocche oje ne’! About Press Copyright Contact us Creators Advertise Developers Terms Privacy Policy & Safety How YouTube works Test new features Solo nei primi anni dell’800 infatti, si iniziano a raccogliere i vari generi di musica in veri e propri spartiti che formano brani musicali, e proprio in seguito a questa evoluzione della musica nacquero anche le prime case editrici, esso è anche il periodo in cui i primi autori compongono le canzonette. Chi mm’ajuta? I principali autori e poeti delle canzoni classiche napoletane. Le canzoni erano accompagnate dagli strumenti simbolo della napoletanità: Mandolino, Chitarra, Calascione e Triccheballacche. scuro… Primma me dice “s?”, Po’, doce doce, mme faje mur?… Maruzzella, Maruzz?’… Oh?! Tuttavia la vera canzone napoletana comincia a prendere forma intorno al ‘500 con la villanella, di origine napoletana, che si diffuse rapidamente in tutta Europa. E a chist’ato ca mo’ tu vuo’ bene Staie penzanno e, scetata, ll’aspiette; Ma chist’ato stasera nun vene E maie cchiù, t’ ‘o dico io, venarrà! Aggio perduto ‘o suonno Pe’ chist’ammore, Aggio perduto ‘o core Appriesso a te! In quegli anni si affermarono diversi generi musicali, espressione del sottoproletariato urbano, come: la sceneggiata, la canzone neomelodica e, più avanti, il Tarumbò di Pino Daniele. E potevano essere eseguite da tutti. Comm’a na seta fina só’ ll’uocchie ‘e Cuncettina. Comme Facette Mammeta. Pe’ ‘sta felicitá! Ma a me che mme ne ‘mporta, Io tengo aperta ‘a porta, Carmela, comm”o ssolito Mme vène a cunzulá. Bentrovati nel nostro appuntamento dedicato alla musica napoletana e alla forma d’arte che più di tutte rappresenta Napoli nel mondo: le sue canzoni. Na perziana ca sbatte, Nu lampione ca luce E nu ‘mbriaco ca dice, Bussanno a na porta: “Mm’arape, Cuncè’!” ‘A tre mise nun dormo cchiù, Na vucchella vurría scurdá. Pígliate na pastiglia! Vurría sapé pecché si mme vedite Facite sempe ‘a faccia amariggiata… Ma vuje, quanto cchiù brutta ve facite Cchiù bella, a ll’uocchie mieje, v’appresentate… I’ mo nun saccio si ve n’accurgite! Dal canto suo, Giuseppe Cioffi contribuì a questa rivoluzione stilistica in termini musicali. Starrá chiagnenno quacche ‘nfamitá… Canta isso sulo… Ma che canta a fá? Vivo pe’ ‘sta passione, ánema mia, Tanta è ‘a gelusia ca tengo ‘e te. Ma è vero ca sto ccà? C’erano tanti, Tanti pappagalli, Rossi verdi e gialli, Che dicevan così. E ‘a sunnambula, ch’è na bambola, Fa ‘a sunnambula ‘mbracci’a me. Tenimmoce accussì anema e core! – P.IVA 06157210631 CAPITALE SOCIALE € 100.000,00 REA N.476279 TRIB. Il brano entrò nel repertorio di Roberto Murolo, a conferma, appunto, che i due scrissero canzoni, ancor prima che macchiette. Fresca è ‘a notte: ‘na luna d’argiento Saglie ‘ncielo e cchiù ghianca addeventa: E nu sciato, ogne tanto, d’ ‘o viento Mmiez’ a st’aria se sente passà. Dal II conflitto mondiale, Napoli ne uscì devastata e le canzoni descrissero i tragici eventi. Lacreme e ‘nfamità. Non a caso, il capoluogo campano, è conosciuto anche con questo nome. Oje Marí’, oje Marí’! Durmenno, angelo mio, Chi sa tu a chi te suonne! Classici napoletani - Le più belle canzoni napoletane Iscriviti al canale: Classici napoletani . Ma Lazzarella comme si, A me mme piace sempe ‘e cchiù, E vengo apposta pe’ t”o ddí, Vicino â scola d”o Gesù. Classici napoletani - Le più belle canzoni napoletane - YouTube Lo schema delle rime nelle prime forme era in genere molto semplice: le prime villanelle erano infatti eseguite da tre voci a cappella ed i primi compositori furono, La nascita della classica canzone napoletana. È un esilarante racconto di come il matrimonio possa cambiare la vita di coppia. Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. ‘Nfacci’ ‘o muro ‘e rimpetto stampata Veco n’ombra e chest’ombra si’ tu! Lazzarè! Canta Napoli. Chisto è ‘o paese d’ ‘o sole, Chisto è ‘o paese d’ ‘o mare, Chisto è ‘o paese addò tutt’ ‘e pparole, Sò doce o sò amare, Sò sempre parole d’ammore. Luna rossa, Se n’è ghiuta ll’ata sera Senza mme vedé… E io dico ancora ch’aspetta a me, For”o barcone stanott’ê ttre, E prega ‘e Sante pe’ mme vedé… Ma nun ce sta nisciuna… Mille e cchiù appuntamente aggio tenuto… Tante e cchiù sigarette aggio appicciato… Tanta tazze ‘e café mme só’ bevuto… Mille vucchelle amare aggio vasato… E ‘a luna rossa mme parla ‘e te, Puorte ‘e cazune cu nu stemma arreto Na cuppulella cu ‘a visiera aizata Passa scampanianno pe’ Tuleto Comm’a nuguappo, pe’ se fa’ guarda’ Tu vuo’ fa’ ll’americano Mericano, mericano Sient’a mme chi t’ ‘o ffa fa’? In senso orario a partire dalla foto in alto a sinistra: Salvatore Di Giacomo, Ernesto Murolo, Libero Bovio ed E. A. Mario. Core ‘Ngrato. Le correnti marine condussero il suo corpo sull’isolotto di Megaride, attuale sede del Castel dell’Ovo, dove i pescatori gli diedero degna sepoltura e cominciarono a venerarla come una dea. Sento ‘stu core tujo Che sbatte comm’ ‘a ll’onne. E cu ‘a scusa ch’è na sunnambula, Chesta bambola, nèh, che fa. Suo, innanzitutto, il merito di aver dato spessore alle macchiette con melodie accattivanti e inequivocabilmente napoletane. Sciure e frónne addirose, nun cerco tanta cose… Né ‘a cchiù bella guagliona, si è ricca, mm’appassiona…. Lalbum è una raccolta di brani incisi nel 1966, su 45 giri, per la casa discografica Durium. Chiste’occhie te vonne Natavote avvede’ Comme è calma a montagne stanotte Chiu’ calme è mo’ Chiste’occhie te vonne Natavote avvede’ Comme è calma a montagne stanotte Chiu’ calme è mo’ Nun l’aggie vista maie E’ tutte dorme. Scalinatèlla Longa, longa, longa, longa Strettulélla, strettulélla Addó’ sta chella ‘nammuratèlla Nun spónta ancora Zuc, zuc, zuc, zuc Zucculillo, zucculillo Pe’ ‘sta viarèlla scarrupatèlla Addó’ mme ne vogl’je T”o ddico, e crídeme Addó’ se ne pò ghí Chi è stanco ‘e chiágnere? 29 talking about this. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Innanzitutto, Nino Taranto, da considerare la voce ufficiale del sodalizio; poi il francese Nino Ferrer e Gabriella Ferri. Ma questa non è canzone comica: è … Tu cuntenta nun si’! E ‘a sunnambula, ch’è na bambola, Fa ‘a sunnambula ‘mbracci’a me. Chella Llà. Quanno só’ fatto cennere, Tanno mme chiagnarraje… Tanno addimmannarraje: Nennillo mio addó’ è?! Con N’accordo in fa, per esempio, aveva già dato prova del suo talento umoristico. Canzoni napoletane famose: le origini del mito e la top 40 dei brani più belli di tutti Canzoni napoletane classiche allegre Classici napoletani Tramonta ‘a luna E nuje, pe’ recitá ll’urdema scena Restammo mane e mane Senza tené ‘o curaggio ‘e ce parlà Famme chello che vuò Indifferentemente Tanto ‘o ssaccio che so’ Pe’ te nun so’ cchiù niente E damme stu veleno Nun aspettà dimane Ca, indifferentemente Si tu mm’accide i’ nun te dico niente E ride pure Mentre me scippe ‘a pietto chistu core Nun sento cchiù dulore E nun tengo cchiù lacreme pe’ te Famme chello che vuò E damme stu veleno Nun aspettà dimane Ca, indifferentemente Si tu mm’accide i’ nun te dico niente E indifferentemente Io perdo a te! Si ‘sta voce te canta dint”o core Chello ca nun te cerco e nun te dico; Tutt”o turmiento ‘e nu luntano ammore, Tutto ll’ammore ‘e nu turmiento antico… Si te vène na smania ‘e vulé bene, Na smania ‘e vase córrere p’ ‘e vvéne, Nu fuoco che t’abbrucia comm’a che, Vásate a chillo… che te ‘mporta ‘e me? radionapoli.it © Power Radio s.r.l. Num te scurdа ca t’aggio date ‘o core, Catari Nun te scurdа Catari, Catari, che vene a dicere Stu parlа, che me dа spaseme? Dopo lesperienza dellanno precedente con lalbum Canzoni napoletane classiche, Mario Trevi pubblica un album dedicato a melodie della canzone napoletana che, allepoca, erano state pubblicate dai quindici ai ventanni prima. Quanta suonno ca perdo pe’ te! 2016 POWER RADIO S.R.L. Ma cu sti mode, oje Bríggeta Tazza ‘e café parite: Sotto tenite ‘o zzuccaro E ‘ncoppa, amara site… Ma i’ tanto ch’aggi”a vutá E tanto ch’aggi”a girá… Ca ‘o ddoce ‘e sott”a tazza Fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá!… Cchiù tiempo passa e cchiù v’arrefreddate ‘Mméce ‘e ve riscaldá…”Caffè squisito!…” ‘O bbello è ca, si pure ve gelate Site ‘a delizia d”o ccafé granito… Facenno cuncurrenza â limunata… Ma cu sti mode, oje Bríggeta Tazza ‘e café parite: Sotto tenite ‘o zzuccaro E ‘ncoppa, amara site… Ma i’ tanto ch’aggi”a vutá E tanto ch’aggi”a girá… Ca ‘o ddoce ‘e sott”a tazza Fin’a ‘mmocca mm’ha da arrivá!… Vuje site ‘a mamma d”e rrepassatore?… E i’, bellezza mia, figlio ‘e cartaro!… Si vuje ve divertite a cagná core I’ faccio ‘e ccarte pe’ senza denare… Bella pareglia fóssemo a fá ‘ammore! Pe’ mme fá sentí Come un gran pasciá E mm’inebria il cuor. Ma se dovessimo appellarci alle leggende, sicuramente la più nota è quella della sirena Parthenope. Benvenuti nel mondo della canzone napoletana di Napoli Fans! Pe’ me ll’ammore pó aspettá, Che n’aggi’a fá? ‘O treno stava ancora int’ ‘a stazione Quanno aggio ‘ntiso ‘e primme manduline. Pe’ mme fá addurmí, Pe’ mme fá scurdá Il mio dolce amor. Il filo rosso che lega la città a quest’arte ha origine medievali. Post su CANZONI CLASSICHE NAPOLETANE scritto da tonykospan21 Articoli recenti IL VINO E LA POESIA – I legami tra di loro… a cura di Tony Kospan e… non solo Wassily Kandinsky.. creatore dell’astrattismo – Biografia Forse è con questa leggenda che nasce l’amore che Napoli ha per la musica. Forse sarrà ca ‘o chianto è doce Forse sarrà ca bene fa Quanno mme sento cchiù felice Nun è felicità. Quanno mammeta t’ha fatta Quanno mammeta t’ha fatta Vuo’ sape’ comme facette Vuo’ sape’ comme facette Pe’ mpasta’ sti carne belle Pe’ mpasta’ sti carne belle Tutto chello che mettette Tutto chello che mettette Ciento rose n’cappucciate Dint’a martula mmiscate Latte e rose, rose e latte Te facette ‘ncoppa ‘o fatto Nun c’e’ bisogno ‘a zingara P’addivina’ cunce’ Comme tha fatto mammeta ‘O saccio meglio e te E pe’ fa’ sta vocca bella E pe’ fa’ sta vocca bella Nun servette ‘a stessa ddosa Nun servette ‘a stessa ddosa Vuo’ sape’ che ‘nce mettette Vuo’ sape’ che ‘nce mettette Mo’ te dico tutto cosa Mo’ te dico tutto cosa Nu panaro chino chino Tutt’e fravule ‘e ciardino Mele, zucchero e cannella Te ‘mpastaie sta vocca bella Nun c’e’ bisogno ‘a zingara P’addivina’ cunce’ Comme tha fatto mammeta ‘O saccio meglio e te, Cumme è bella a muntagne stanotte (Bella accusi’) Bella accusi’. E tu durmenno staje Ncopp’a sti ffronne ‘e rosa. A Tazza ‘e Cafè. Stu bbene mme fa danná, St’ammore murí! Napoli in farmacia. La storia racconta, secondo l’Odissea, che la sirena Parthenope, creatura mitologica di straordinaria bellezza e doti canore, dopo essere stata ingannata dal temerario Ulisse, insieme alle sue compagne, decise di schiantarsi sugli scogli. Lássala, siente a me, ca nun è cosa Tu, p’ ‘a bionda, si’ troppo onesto Chella è fatta pe’ ll’ommo ‘nzisto Alluntánate ‘a ‘sta “maésta” Ca te pierde, figlio ‘e mammá Nun ‘o vvide ca te repassa? E ‘n’ ata vota dice “Sí”, Ma dint”a cchiesa d”o Gesù! Ma nun me lassà Nun darme stu turmiento Torna a Surriento Famme campà. Lazzarè! Sono anni in cui sorgono i primi negozi musicali e le prime case editrici di stampo musicale come la “Canzonetta”. Quanno se fa ll’ammore sott’ ‘a luna Comme te vene ‘ncapa ‘e di’ “I love you”? Ma questa non è canzone comica: è uno dei più grandi classici della canzone napoletana. Pe’ tutta ‘sta marina ‘A Pr? E tremma stu core mio Pecché é sicuro que ‘o vuo’ lassá. LE CANZONI NAPOLETANE (O) ‘O ‘nnammurato mio ‘O balcone ‘e Napule ‘O bar ‘e ll’università ‘O bbene ‘O ccafè ‘O cchiù bellu nomme ‘O ciucciariello ‘O core ‘e … Nun è overo! Perché le canzoni di Pisano e Cioffi furono innovative, nei testi e nella musica. Chisto è ‘o paese d’ ‘o sole, Chisto è ‘o paese d’ ‘o mare, Chisto è ‘o paese addò tutt’ ‘e pparole, Sò doce o sò amare, Sò sempre parole d’ammore. Nun se sana; ca sanata Si se fosse, gioja mia, Mmiezo a st’aria mbarzamata A guardarte io nun starria! Mo nun ‘nce amammo cchiù, Ma ‘e vvote tu Distrattamente pienze a me! E, arrivando ai giorni nostri, Peppe Barra e Peppe Servillo. Li quarte d’ora sonano A uno, a duje, a tre… Io te voglio bene assaje… E tu non pienze a me! Oh?, Pe’ tramente S’affaccia ‘a luna pe’ ved?! Giocali, giocali, giocali, Giocali, giò… Ho giocato tre numeri al lotto Venticinque sessanta e trentotto, Li ho giocati convinto perché Usciranno tutti e tre! Le classiche canzoni napoletane raccontavano la città di Napoli in tutte le sue sfumature: paesaggi, figure sociali e storie d’amore. (Cumm’e’bella a muntagne stanotte) Cumme è bella a muntagne stanotte (Bella accusi’) Bella accusi’. C’erano tanti, Tanti pappagalli, Rossi verdi e gialli, Che dicevan così. Specie si è vvote tu mme dice Distratta, ‘a verità. Fuje l’autriere ca t’aggio ‘ncuntrata? Va’ te cócca, siente a me! Midi Mania mette a disposizione il proprio archivio midi delle canzoni napoletane classiche, neomelodiche e contemporanee. Le canzoni di Pisano e Cioffi sono un inestimabile patrimonio di buonumore. Chella nun è pe’ te, chella è na ‘mpesa Che vène a dí ch’è bella cchiù ‘e na rosa Si po’ te veco ‘e chiagnere annascuso? Siente a me, vatte a cuccá! De te, bellezza mia, m’annammuraie, Si t’allicuorde, nnanze a la funtana: L’acqua llà dinto nun se secca maie E ferita d’ammore nun se sana. Si ‘sta voce, che chiagne ‘int’ ‘a nuttata, Te sceta ‘o sposo, nun avé paura… Vide ch’è senza nomme ‘a serenata, Dille ca dorme e che se rassicura… Dille accussí: “Chi canta ‘int’a ‘sta via O sarrá pazzo o more ‘e gelusia! Difficile, infatti, trovare nella storia della musica italiana un repertorio di brani comici famosi così consistente. Anema e Core. L’argomento delle villanelle era generalmente rustico, comico e spesso satirico, di frequente si parodiava il manierismo della musica di allora. Canzoni-napoletane per chitarra - accompagnamento e arrangiamento completo per chitarra sola Home Armonia e teoria Brani tab Ebook download Corsi pro online … Lo schema delle rime nelle prime forme era in genere molto semplice: le prime villanelle erano infatti eseguite da tre voci a cappella ed i primi compositori furono Giovanni Domenico da Nola, Giovan Tomaso di Maio e Giovanni Tommaso Cimello. Eccole per voi lettori di Napoli Fans! Mamma me sta vicino, e nenna canta. E ‘a sunnambula, ch’è na bambola, Fa ‘a sunnambula ‘mbracci’a me! Tu nun ‘nce pienze a stu dulore mio Tu num ‘nce pienze tu nun te ne cura Core, core ‘ngrato T’aie pigliato ‘a vita mia Tutt’è passato E nun’nce pienze cchiu Catari, Catari Tu nun ‘o saie ca’nfin’int’ a na chiesa Io so’ trasuto e aggio priato a Dio, Catari E l’aggio ditto pure a ‘o cunfessore I’ sto a fuffrì Pe’ chella llа Sto a suffrì Sto a suffrì, nun se po’ credere Sto a suffrì tutte li strazie E ‘o cunfessore ch’è persona santa M’ha ditto: figlio mio, lassala stà, lassala stà Core, core ‘ngrato T’aie pigliato ‘a vita mia Tutt’è passato E nun’ce pienze cchiu. Il nostro viaggio nella classica musica napoletana termina qui! Nzomma songh’io lo fauzo? Naviga tra le migliori offerte dei negozi di strumenti musicali. Pecché quanno mme vide, Te ‘ngrife comm’a gatto? ccaro se fa… Maruzzella, Maruzz?…, ‘O sarracino, ‘o sarracino Bellu guaglione ‘O sarracino, ‘o sarracino Tutt”e ffemmene fa ‘nnammurá Tene ‘e capille ricce ricce Ll’uocchie ‘e brigante e ‘o sole ‘nfaccia Ogne figliola s’appiccia si ‘o vede ‘e passá Na sigaretta ‘mmocca, sa mana dint”a sacca E se ne va, smargiasso, pe’ tutt”a cittá ‘O sarracino, ‘o sarracino Bellu guaglione ‘O sarracino, ‘o sarracino, Tutt”e ffemmene fa suspirá E’ bello ‘e faccia, è bello ‘e core Sape fá ‘ammore, E’ malandrino, è tentatore Si ‘o guardate ve fa ‘nnammurá E na bionda s’avvelena E na bruna se ne more, E’ veleno o calamita?