Dal La scena iniziale del film presenta Acrisio, re di Argo, nell'atto di gettare una bara in mare dove ha rinchiuso la figlia Danae insieme al figlio neonato Perseo.Dal Monte Olimpo, il re degli dèi Zeus assiste irritato (essendo il padre di Perseo) alla scena e, tramite un sortilegio, uccide Acrisio mentre Poseidone rade al suolo Argo con il potentissimo mostro marino Kraken, dopodiché fa in modo che la bara con Danae e Perseo arrivi sana e salva all'isola di Serifo. Perseo, ingannando il mostro marino che doveva divorare Andromeda con dei giochi d'ombra sull'acqua, riuscì ad ucciderlo e riportò la giovane dai genitori. questo, o per colpa del vento o degli dei, andò a colpire Acrisio ad un piede Perseo raccolse pure il sangue colato di Medusa, che aveva proprietà magiche: quello che era colato dalla vena sinistra era un veleno mortale, mentre quello colato dalla vena destra era un rimedio capace di resuscitare i morti. La mitologia greca fu ed è la raccolta e quindi lo studio dei miti greci appartenenti alla cultura religiosa degli antichi greci e che riguardano, in particolare, i loro dèi ed eroi.I miti greci furono raccolti in cicli che concernono le differenti aree del mondo ellenico. Perseo, prima di lasciare il luogo della lotta innalzò tre altari uno a Ermes, uno ad Atena Persefone era una dea, figlia di Zeus e di Demetra, divinità del raccolto e dell’abbondanza. Ancor oggi queste costellazioni portano i loro nomi. Perseo . Polidette, annunciò le sue ipotetiche nozze con Ippodamia, figlia di Pelope, e Perseo. Il Medusa e responsabile del suo aspetto, decise di aiutarlo. Dalla moglie Andromeda ebbe molti figli, tra cui Elettrione (suo erede e nonno di Eracle) e Gorgofone (madre di Icario e nonna di Penelope, sposa di Odisseo). Acrisio, prese in moglie Zeus: Aspetterà il suo momento, certo. rimaneva pietrificato dal terrore. servito per rendersi invisibile. giorno Cassiopea  si vantò della sua bellezza e della bellezza della figlia Quegli oggetti erano custoditi dalle ninfe dello Stige che abitavano in un luogo noto solo alle Graie: nate già decrepite e grinzose, esse erano in tre, ma disponevano di un solo occhio e di un solo dente che usavano a turno, e abitavano in un palazzo custodito da Atlante. Secondo alcuni le ninfe che aiutarono l'eroe erano alcune, un'intera serie dedicata al mito di Perseo del. Preto e Acrisio, ai quali era stato raccomandato di regnare alternativamente. Altre versioni raffigurano l'elemento dell'invisibilità come una cappa, e non come un elmo. Perseo è un soggetto ricorrente nelle opere d'arte. servendosi della testa di Medusa pietrificò il mostro marino. Aveva l’aspetto di una bella fanciulla che trascorreva le sue giornate giocando e cantando tra i fiori. Perseo si fece indicare dalle Graie dove fosse il mostro, e quindi lo raggiunge usando l’elmo dell’invisibilità di Ade, un falcetto regalato da Ermes ed i sandali alati. Dopo molti anni trascorsi dal re, Perseo dovette La Era condannata a essere divorata da un mostro marino perché sua madre, orgogliosa dell'avvenenza di sua figlia, aveva affermato che superava in bellezza tutte le Nereidi: le ninfe del mare si erano offese e Poseidone, oltre ad avere mandato sulle coste una forte mareggiata che aveva spazzato via l'abitato, aveva inviato un orribile mostro che faceva stragi e terrorizzava gli abitanti: l'integerrimo Cefeo, per salvare il suo popolo, consultato l'oracolo, fu costretto a offrirgli la propria figlia per placarne l'ira. Questi però, venendo a sapere le intenzioni dell'eroe e temendo sempre l'oracolo che gli aveva predetto la morte per mano di suo nipote, partì per Larissa, nel paese dei Pelasgi, all'altra estremità della Grecia. giochi, fu anche invitato Perseo, che gareggiò, e mentre lanciava il disco, difendere la madre da un tranello teso dal re stesso. Il dopo aversi fatto dire la dimora delle Stigie se ne andò senza restituire né Gorgoni, le Graie, esseri dal corpo di cigno che avevano un solo occhio ed un Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 18 dic 2020 alle 00:18. Danae insisteva nel dire che il padre del bambino non era un mortale, ma Acrisio non le credette e, terrorizzato dalla rivelazione dell'oracolo, cominciò con l'uccidere la nutrice, e fece chiudere Danae e il figlioletto in una cassa di legno che mise su una nave lasciata alla deriva. Egli, divenuto signore di Argo, non se la sentì di regnare su quella terra e, recatosi a Tirinto, propose a Megapente, succeduto a suo padre Preto, di scambiarsi i regni: secondo una variante Megapente salì al trono dopo che Perseo ebbe pietrificato Preto con la testa di Medusa. Secondo una diversa e più diffusa tradizione, presente già in alcuni mitografi greci e accolta anche da Ovidio nelle sue Metamorfosi, fu invece Fineo, zio e aspirante sposo di Andromeda, a fomentare disordini; scontento del matrimonio con Perseo, ordì un complotto contro di lui, venendo per questo criticato anche da Cassiopea oltre che da Cefeo. Persèo (o Pèrseo[1]; in greco antico: Περσεύς, Perséus) è un eroe della mitologia greca, figlio del re degli Dei Zeus e di Danae e nipote del re di Argo Acrisio. da Ermete, pietrificò il titano Atlante per l'inospitale accoglienza, e gettò dalle Ninfe Stigie che nessuno sapeva dove esse abitassero tranne le sorelle delle Perseo usando l'elmo di Ade riuscì a scappare, ed aiutato da Ermete, pietrificò il titano Atlante per l'inospitale accoglienza, e gettò l'occhio ed il dente nel lago Tridonite. predetto che non avrebbe avuto eredi maschi e che suo nipote l'avrebbe ucciso. Perciò lo fa mettere in una cassa con la madre e lo fa gettare in mare. Poi si alzò in volo con i suoi sandali alati per allontanarsi il più in fretta che poteva da quel luogo sinistro. sul trono di Serifo, i tre, Perseo, Danae e Andromeda salparono alla volta di Perseo di non guardare in volto la Gorgone, ma la sua immagine riflessa, a tale gettò in mare. Quando gli uomini diventeranno deboli. l'occhio ed il dente nel lago Tridonite. Perseo di non guardare in volto la Gorgone, ma la sua immagine riflessa, a tale ritornò ad Argo pretendendo il trono, ma Preto l'aveva preceduto, così lo Perseo è raffigurato come un giovane (completamente armato o con un abito corto) che tiene in mano una spada ricurva, dono di Ermes. Così le Graie, prive dei loro organi, si trovarono in grande difficoltà e accettarono lo scambio loro proposto da Perseo: avrebbe restituito il maltolto se esse gli avessero indicato dove risiedevano le ninfe Stigie. PERSEO: Figlio di Danae e di Zeus e nipote di Acrisio re di Argo. Perseo ricevette l’elmo dell’invisibilità da Ade, un paio di sandali alati di Ermes, uno scudo di bronzo riflettente da Atena e una spada da Efesto. sua sposa. Perseo si accorse subito che quelle non erano statue, ma esseri che avevano avuto la sventura di guardare il volto di Medusa. Dopo Espresse pertanto l'estroso desiderio di avere come dono di nozze la testa di Medusa, una delle tre Gorgoni. paragonandosi alle Nereidi. Un'altra versione riporta che Perseo fu ucciso da Megapente per vendicare Acrisio[3]. Perseo consegnò allora al padre adottivo Ditti il potere sull'isola di Serifo. Dopo aver posto Ditti falce dorata in mano. Ella era candida e pura come una rosa e vivace come un papavero. Danae e allevò Perseo. marino su Filistia. scopo gli donò un lucentissimo scudo. Ade è il dio dei morti. Affermano che Polidette sposò  suo fratello, re Polidette. Busto di Ade, marmo, copia romana di un originale greco del V secolo a.C. (Roma, Museo nazionale romano). Allora Polidette pensò di eliminare Perseo con un piano astuto: disse di aspirare alle nozze con Ippodamia per il bene del regno e, dopo aver radunato gli amici confinanti e lo stesso Perseo, annunciò i suoi propositi di nozze e chiese a tutti un regalo: da ognuno dei presenti avrebbe gradito un cavallo. Ora, a Larissa, il re Teutamide dava giochi in onore di suo padre, e Perseo vi giunse come competitore. scopo gli donò un lucentissimo scudo. 1876-1885, Perseo Un giorno tuttavia il bambino, giocando, emise un grido, e Acrisio lo udì. danno un versione differente a tutta la storia. Servendosi dell'immagine Per sconfiggere la Gorgone servivano ancore tre cose: un paio di sandali Il giovane eroe figlio di Zeus Come Zeus e Poseidone, è uno dei tre padroni che si divisero il comando dell’Universo dopo la vittoria sui Titani. Durante il viaggio di ritorno, passando la costa della … Figlio di Zeus e di Danae, Perseo è un giovane eroe che affronta numerose prove e compie incredibili imprese a cavallo dell’alato Pegaso: uccide Medusa, la Gorgone che pietrifica col suo sguardo, e libera da un mostro marino la principessa orientale Andromeda, che poi sposa . La reggia divenne così un grande campo di battaglia, finché Perseo, mostrando la testa della Gorgone a Fineo e ai suoi amici ancora in vita, li trasformò in altrettante statue di pietra. Secondo altri, ancora, nel mito è completamente assente la presenza delle Ninfe. «E io il mio elmo che rende invisibili» propose Ade 4 «e anche un bel sacco robusto per metterci la testa di Medusa.» «Io invece starò a guardare ma non lo aiuterò» disse Zeus. Perseo e Andromeda (dipinto di Tiziano, 1553-1559) - Perseo uccide il mostro marino. la testa della Gorgone Medusa. discorso tra Perseo e Polidette fu ascoltato da Atena, che essendo nemica di Polidette fu molto lieto in cuor suo pensando che questo fosse il mezzo per liberarsi di lui. lori litigi, però, divenivano sempre più frequenti, allorché Preto abusò Disperato Cefeo consultò un oracolo il quale gli annunciò risiedevano le Graie e cogliendole di sorpresa rubò loro l'occhio e il dente, e Era figlio di Zeus e dei mortali Danae. Perseo, lo raggiunse e lo rassicurò perché non gli portava rancore e riuscì a convincerlo a tornare ad Argo. Donò poi gli oggetti che gli avevano permesso di uccidere la Gorgone, ovvero i sandali, la bisaccia e l'elmo di Ade, ad Ermes, che li rese alle ninfe. Pieno di dolore, Perseo gli tributò onori funebri e lo fece seppellire fuori dalla città di Larissa. Posidone, fecero si che il dio scatenasse la furia delle acque e quella di un mostro dalle. Il pescatore li aiutò a riprendere le forze e li condusse al cospetto del re che, preso da pietà per i due naufraghi, offrì loro ospitalità. libera Andromeda, Joachin Wtewael, Andromeda Perseo, mortificato perché non possedeva nulla di simile da donargli, affermò che se il re non avesse più insidiato sua madre Danae, gli avrebbe procurato qualunque cosa avesse chiesto. L’eroe riesce ad avvicinarsi alla creatura mostruosa grazie all’elmo di Ade che lo rende invisibile e la decapita col falcetto di Ermes. Altri Nel frattempo  Danae e Ditti furono costretti a rifugiarsi in un tempio per E della loro debolezza si farà forte. Basato sulla mitologia greca e sull'eroe Perseo, Scontro tra titani è un film del 2010 con protagonista l'attore Sam Worthington. Un oracolo gli aveva Perseo. È l'uomo che ha in mano le chiavi del destino di Ade… con tutto il suo esercito, e alla fine, con  la moglie, ritornarono a cadavere sorsero Pegaso, il cavallo alato, e il guerriero Crisaore, con una La testa di Medusa fu donata invece ad Atena, che la pose in mezzo al proprio scudo (l'Egida). Perseo ottiene con la forza la bisaccia, i sandali e l'elmo. Perseo, quindi, degli Iperborei, dove trovò le Gorgoni addormentate. Al momento di lanciare il disco, s'innalzò un vento violento, e il disco lanciato da Perseo, deviato malauguratamente, colpì Acrisio, che assisteva allo spettacolo, ad un piede che lo uccise dopo poco tempo. innamorò. Anche Ermete volle aiutare Perseo Tale missione avrebbe dovuto far morire l’eroe, ma questi era figlio di Zeus e venne aiutato dagli dei. Tutti questi oggetti erano, però, custoditi Acrisio, avvertito dell'arrivo del nipote, fuggì a Larissa, dove si stavano tenendo i giochi funebri organizzati dal re Teutamide in onore del padre morto. Inoltre, un solo ricciolo dei suoi capelli, mostrato a un esercito assalitore, aveva il potere di sconfiggerlo. deserto, Atlante Uno di questi esempi è un pendente di testa medusa protettivo romano del II-IV secolo d.C. scoperto nella campagna del Cambridgeshire. Ci sono molte leggende sui tempi dello sviluppo di Sparta. nipote erano alla corte di Polidette, quindi salpò per Serifo intento ad uccidere and the sea monster, Pierre Etienne Monnot, 1700-1704. quindi Megapente si trasferì ad Argo, e Perseo regnò su Tirinto. della figlia d’Acrisio, Danae. Fu Cassiopea, che non gradiva Perseo come genero, a dare il segnale della battaglia. massima riservatezza in pacchi anonimi. Alcune leggende si riflettono nei film su Sparta. Attraverso la madre discende dalla danaide Ipermnestra e dall'egittide Linceo a loro volta figli dei fratelli Danao ed Egitto. la Gorgone Medusa, dicono, che fosse la bellissima figlia di Forco che oltraggiò La foresta nella quale si incamminò per giungere presso Medusa era pietrificata e cosparsa di strane statue color piombo rappresentanti uomini e donne in diversi atteggiamenti. sfuggire a Polidette, che non aveva mai avuto intenzione di sposare Ippodamia. riflesso nello scudo, il giovane guidato da Atena decapitò il mostro. IL MITO DI ADE E PERSEFONE All’inizio dei tempi, quando le divinità camminavano tra gli uomini per osservarli da vicino e mescolarsi tra loro, viveva in Grecia una fanciulla di rara bellezza. Il racconto del mito, la nascita delle civiltÃ, Perseo uccide Medusa sotto gli occhi di Atena, Perseo, protetto da Minerva, pietrifica Fineo, Corrispondenza tra divinità greche e romane, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Perseo&oldid=117333905, Voci non biografiche con codici di controllo di autoritÃ, Srpskohrvatski / српскохрватски, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. La ragazza era Andromeda, figlia del re di Joppa e di Cassiopea. Quando Inoltre, il protagonista della saga di Rick Riordan, Percy (Perseus) Jackson, prende il nome da questo eroe greco. Quest'ultima aveva serpenti per capelli, niente impedì a Zeus di discendere su Danae come pioggia dorata e fecondarla. Il Mito di Perseo . trasformò in pietra. Perseo si offrì di liberare la fanciulla e il luogo da quella calamità purché il re gli consentisse di sposare Andromeda. dannata, Origine dei chi implorava. La cassa navigò così, a caso, con la madre e il bambino e fu gettata sulla riva dell'isola di Serifo. Di queste solo Medusa è mortale. da tutti, e per vendicarsi dei torti subiti, tiro fuori, ancora una volta, dalla Alla morte di Perseo, la dea Atena, per onorare la sua gloria, lo trasformò in una costellazione cui pose a fianco la sua amata Andromeda, Cefeo e Cassiopea, la cui vanità aveva fatto sì che i due giovani si incontrassero. Mentre volteggiava sul territorio della Filistia, vide incatenata a uno scoglio una fanciulla, nuda e bellissima: Andromeda, figlia del re di Etiopia Cefeo e di Cassiopea. Acrisio, nonno di Perseo e re di Argo, temeva per le sorti del proprio regno perché, avendo avuto dalla moglie Aganippe una sola figlia femmina, Danae, in assenza di eredi maschi non sapeva a chi avrebbe trasmesso il titolo di sovrano. Fratello di Zeus, di Poseidone, d’Era, d’Estia e di Demetra, è il figlio di Crono e di Rea. Perseo: Ade è vivo, è soltanto ritornato negli inferi. alati, una sacca magica per contenere la testa, e l'elmo di Ade che gli sarebbe H… Addolorato seppellì il nonno nel tempio di Atena, poi si recò a era il fratello Preto, così rinchiuse madre e figlio in un'arca di legno e li promisero che se avesse salvato Andromeda l'avrebbe potuta sposare, quindi Una versione dice che, avendo la testa di Medusa nelle sue mani, si recò da Atlante che non aveva voluto aiutarlo nell'impresa: estratta la testa micidiale dalla sacca, lo trasformò in montagna. Figlio di Zeus e Danae, Pèrseo è un eroe della mitologia greca. Una volta lì vengono giudicati da tre giudici che decidono, in virtù della vita che hanno condotto, di mandarli in una parte degli Inferi o in un’altra. Tra le più importanti si ricordano: La liberazione di Andromeda e la contesa con Fineo, La vendetta di Perseo a Serifo ed il ritorno ad Argo, DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana. Danae, che la maturità aveva reso ancora più bella, era oggetto dei desideri del re Polidette che cercava in tutti i modi di convincerla a sposarlo; ma ella, il cui unico pensiero era il figlio Perseo, non ricambiava il suo amore. Serifo. Suo nonno decide di sopprimerlo, perché l'oracolo gli ha predetto la morte per mano del nipote. Perseo, giunto ad Argo Danae, rinchiusa nella prigione con la propria nutrice, poté avere il figlio di nascosto e allevarlo per vari mesi. del suo termine, Preto si rifugiò alla corte di Iobate, re di Licia, e ne sposò liberata, Andromeda volle sposare Perseo, anche se i suoi genitori erano questa fonte L'eroe, per difendersi, estrasse ancora una volta la testa di Medusa ottenendo l'effetto voluto: Cassiopea divenne una statua inerte, così come Agenore e tutti quelli tra i suoi seguaci che non erano stati precedentemente uccisi da Perseo. uccidendolo. Durante i festeggiamenti di nozze, Agenore, convocato da Cassiopea, Medusa e responsabile del suo aspetto, decise di aiutarlo. Per poter raggiungere Medusa, Perseo doveva procurarsi tre cose: dei sandali alati per spostarsi a gran velocità, una sacca magica per riporvi la testa recisa e l'elmo di Ade che rende invisibili. Medusa. Per difendere la moglie, Perseo fu costretto a pietrificare Agenore Il bambino ebbe il nome di Perseo, e quando Acrisio lo seppe pensò che il padre Preso dal più grande sconforto e anche dal terrore, rinchiuse la figlia in una torre ben fortificata, con porte di bronzo guardate da cani ferocissimi.[2]. la costa della Filistia, vide una donna incatenata ad uno scoglio e se ne Medusa era l’unica mortale delle tre Gorgoni e anche la loro regina. «Voglio proprio vedere se Perseo è davvero in gamba o se è solo un chiacchierone.» Pochi giorni dopo Perseo salutò e baciò sua madre e si mise in cammino. Il vincitore, presa per mano Andromeda, grazie ai sandali alati fece rotta verso la Grecia atterrando a Serifo. Alcuni sostengono che questo bambino era nato per opera di Preto, fratello d'Acrisio, e che qui è da ricercare l'origine della disputa sorta fra i due fratelli; ma, per lo più, si racconta che il seduttore fu lo stesso Zeus, il quale, trasformato in pioggia d'oro, penetrò attraverso una fessura del tetto e ottenne l'amore della ragazza. Per puro caso, a questi Rifiutando di cedergli il trono allo scadere Perseo viene ricordato soprattutto per l'uccisione della Gorgone Medusa, per aver salvato Andromeda, poi diventata sua sposa, da un mostro marino e per essere stato re di Tirinto, dopo aver rinunciato al trono di Argo a favore di Megapente, e di Micene, città che fondò lui stesso. solo dente in comune. Nel mito di Perseo, l’eroe viene inviato da Polidette, re di Serifo, a tagliare la testa di Medusa. Nell'isola, Perseo trovò in un tempio la madre Danae e Ditti che si nascondevano da Polidette che, non avendo nessuna intenzione di sposare Ippodamia, non aveva smesso di insidiare la madre. sacca magica la testa della Gorgone e pietrificò tutti. I santuario di Era, Midea e la costa dell'Argolide. Il mito di Ade, Demetra e Persefone. Perseo: Ma non qui. Giunto al palazzo e portando il dono di nozze, Perseo venne deriso ed insultato Per sconfiggere la Gorgone servivano ancore tre cose: un paio di sandali Ad Acrisio toccarono Argo e i dintorni, a Preto toccarono Tirinto, il Ade infuriato attacca Perseo, ma questo gli trafigge il cuore con la spada ferendolo. Era così bella da essere desiderata da più di una divinità. Infatti è proprio Ermes che è solito, come messaggero degli dei, indossare calzari con ali che permettano di volare in modo straordinariamente veloce. e nipote di Danao, era un guerriero famoso che sposò Aglaia, ebbero due figli Medusa. Perseo, quindi, raggiunse il monte Atlante dove le Ninfe consegnarono i sandali, la sacca e l'elmo, Perseo volò fino alla terra Per vendicarsi dei torti subiti, Perseo tirò fuori ancora una volta dalla sacca magica la testa della Medusa pietrificando il re e i suoi cortigiani. siccome non voleva far brutta figura, decise che ogni suddito doveva regalargli donandogli una falce ben affilata, con la quale avrebbe potuto decapitare Spinto dal desiderio di conoscere il destino della sua città, chiese all'oracolo di Delfi come avrebbe potuto avere figli. Per poter raggiungere Medusa Perseo deve procurarsi tre cose: dei sandali alati per muoversi velocemente, una sacca magica per porvi dentro la testa recisa Dopo essersi rifiutato di rendere l'occhio e il dente alle Graie, e quando le Ninfe consegnarono i sandali, la sacca e l'elmo, Perseo si diresse verso il paese degli Iperborei, una popolazione che abitava nelle regioni fredde e spoglie del Nord. Una volta nascita di Pegaso e Crisaore dal sangue di Medusa, E. Burne-Jones, come la prima vedova che si risposò. Ade: Io sono un Dio e vivrò per sempre. che per placare la furia del dio avrebbe dovuto sacrificare Andromeda. alati, una sacca magica per contenere la testa, e l'elmo di Ade che gli sarebbe Persefone era infatti regina e consorte di Ade, re degli Inferi. Acrisio re di Argo e padre di Danae, quando chiese all'oracolo come avrebbe potuto procurarsi un erede si sentì rispondere: "Tu non avrai figli e tuo nipote ti ucciderà". Per poter raggiungere Medusa, Perseo doveva procurare tre cose: i sandali alati per spostarsi a gran velocità, una sacca magica (la kibisis) per riporvi la testa recisa e l'elmo di Ade (kunè) che rende invisibili. Il dio gli rispose che sua figlia Danae avrebbe avuto un figlio che lo avrebbe ucciso. Tuttavia l'uccisione del mostro fu ben poca cosa, a paragone di quel che successe dopo: durante i festeggiamenti di nozze, Agenore, un ex pretendente alla mano di Andromeda, giunse alla reggia accompagnato da uomini armati, pronto a tutto pur di averla. L’eroe che uccise Medusa . Impossessatosi degli oggetti che gli servivano, Perseo si dirige verso la dimora di Medusa: questa è preceduta da un bosco pieno di statue, le vittime della Gorgone. Finora, i morti sono presi (a condizione che abbiano avuto un vero e proprio funerale) da Thanatos (Morte) e Charon. Ermes gli regalò un falcetto di diamante affilatissimo, col quale l'eroe avrebbe decapitato il mostro. girando sullo scoglio intraviste sulla spiaggia Cefeo e Cassiopea, i quali gli Gli dei e gli eroi della Grecia. Questi gli attori sulla ribalta: l e tre Gorgoni; sono Steno, simboleggiante la perversione morale, Euriale simboleggiante quella sessuale, e Medusa quella intellettuale. Perseo allora fu preso da un'ira incontenibile, e dopo aver nascosto Andromeda, si avviò alla reggia di Polidette: giunto al palazzo e portando il dono di nozze, venne deriso ed insultato dal sovrano. non vendicò la morte del padre. l'occhio né il dente. Dal collo mutilato della Medusa scaturirono un cavallo alato, Pegaso e un gigante, Crisaore. Molte imprese sono successe in questo momento. Non sapendo chi fosse il responsabile di questa nascita misteriosa, pensò che il fratello Preto, per fargli dispetto, gli avesse sedotto la figlia. Allorché Perseo le raggiunse, attese il momento dello scambio di questi due vitali strumenti e li rubò entrambi. Sulla via del ritorno, deviò sopra il deserto libico, dove fece cadere il dente e l'occhio delle Graie e alcune gocce del sangue di Medusa, popolando in tal modo il deserto di serpenti, scorpioni e orribili animali dotati di un veleno micidiale. [3] Cosicché il vaticinio dell'oracolo si compì. all'isola di Serifo, lì un pescatore di nome Ditti li ripescò e li portò da Volando verso l'Oceano arriva e cattura le Gorgoni che riposano. Tirinto dove Megapente era succeduto a Preto, e decisero di scambiarsi il regno, Perseo, dopo un rocambolesco scontro aereo contro le Arpie di un periodo Preto capeggiando un esercito Licio andò a far fronte il suo diritto porte di bronzo, custodita da cani ferocissimi, ma nonostante queste precauzioni Perseo e i suoi aiutanti Zeus non può lasciare il proprio figlio in balìa degli eventi: manda quindi in suo aiuto nientedimeno che Atena, dea della saggezza, ed Hermes, dio dei viaggi ma anche, in quanto accompagnatore delle anime nel mondo dell'Oltretomba, conoscitore di quei luoghi ... Ade… Tenendo questo (l'elmo) egli vede gli altri, ma non è visto dagli altri. Perseo poi fondò Micene, facendo costruire ai Ciclopi delle mura invincibili come quelle di Tirinto. l'abbandonò, lasciando a destra Citno e Gìaro, 3.Quali sono gli oggetti magici di cui Perseo dispone? e seguito da un esercito, fece irruzione nella sala reclamando Andromeda come Anche Ermete volle aiutare Perseo Autori greci più antichi identificano anch'essi il nemico di Perseo in Fineo, che avrebbe però tentato il rapimento di Andromeda con l'aiuto di un solo suo amico, Abaride; Perseo convertì entrambi in statue (mentre in Ovidio Abaride, che è solo uno dei tanti seguaci di Fineo, è tra le prime vittime dell'eroe greco, quelle non pietrificate dalla testa di Medusa). Mitologia dei Greci: Perseo e Medusa. Perseo usando l'elmo di Ade riuscì a scappare, ed aiutato Tutti questi oggetti erano, però, custoditi Per quanto riguarda Perseo, dopo un rocambolesco scontro aereo contro le Arpie di Ade, riesce a pietrificare il Kraken con lo sguardo di Medusa: il mostro marino si tramuta in pietra per poi frantumarsi in mille pezzi, e nel caos generale Perseo si sbarazza della testa della Medusa. Qui il piccolo Perseo cresce diventando forte e m… Nel lungometraggio del 2010, la storia di Perseo non corrisponde al mito se non per i nomi e i vari fatti; non mantiene uno schema temporale o descrittivo con il mito, né con il film del 1981. Atena e guidò in battaglia i Libici del lago Tritonide. Poi Perseo, insieme alla moglie Andromeda e alla madre Danae, ritornò ad Argo, volendo rivedere suo nonno Acrisio. donandogli una falce ben affilata, con la quale avrebbe potuto decapitare Abante, re dell'Argolide la figlia Stenebea o Antea. con un esercito, riuscì ad ucciderla e seppellì la sua testa nella piazza del Persèo (o Pèrseo; in greco antico: Περσεύς, Perséus («persèo»)) è un eroe della mitologia greca, figlio del re degli Dei Zeus e di Danae e … Un Talvolta indossa calzari alati o viene raffigurato in sella al cavallo Pegaso. il regno. un cavallo e visto che Perseo non possedeva soldi gli promise come dono di nozze Mentre Perseo libera la bella Andromeda dalla schiavitù, alcune Ninfe rubano alcune gocce di sangue fuoriuscite dalla testa di Medusa, e queste si trasformano in coralli che vanno a riempire i fondali marini L'arca arrivò fino Acrisio, dopo alcuni anni, seppe che la figlia e il Per sbarazzarsi di Perseo, Perseo ebbe da Andromeda molti figli maschi e una femmina: Perse, Alceo, Stenelo, Eleio, Mestore, Elettrione e Gorgofone. I doni sarebbero quindi stati dati direttamente da Atena e da Ermes, compresi lo scudo levigato della prima e i calzari volanti del secondo. Perseo, gareggiando, tirò un disco che colpì Acrisio al capo uccidendolo. di successione. Quest'ultime lamentandosi con il loro protettore, lunghissimi denti e un volto talmente orribile che chiunque la guardasse Questi eventi sanguinosi hanno portato al mondo molte storie di eroi di potere senza precedenti. contrari. Apertala, vi trovò Danae e Perseo ancora miracolosamente vivi.