FFF

By PLAVEB
logo

Login Utente

             | 

 

Ricerca Google libri

Iscriviti alla newsletter

Ricevi HTML?

Informazioni: come pubblicare

Se non sai come pubblicare i tuoi articoli su NonSoloParole.com leggi questa guida.

You are here:   Home Infinita Novela

Infinita Novela

Mercoledì 17 Novembre 2010 13:22 Admin -
Stampa
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
Novelainfinitanovela
La partecipazione alla novelainfinita è aperta a chiunque abbia voglia di lasciare un po' di se in un libro infinito di cui si conosce l'inizio ma non la fine.

REGOLAMENTO:

1) Gli inserti narrativi per il romanzo devono essere redatti in lingua italiana e non devono oltrepassare il massimo di 3200 battute, circa una cartella A4, spedite nel corpo di una mail a email non presente causa conclusione lavori;

2) E' possibile inviare un solo inserto narrativo al giorno e comunque gli inserti di uno stesso autore (qui chiamato coautore in quanto partecipante ad opera collettiva), non possono essere consecutivi per non inficiare il carattere polifonico del romanzo;

3) Non sono ammessi avanzamenti temporali che superino i sette giorni; sono ammessi i flash back in ogni momento della storia purchè preceduti da poche parole introduttive e inerenti alla storia narrata ed ai suoi personaggi principali;
4) L'inserto narrativo deve tener conto dei precedenti contributi per quanto riguarda la trama, lo svolgimento logico delle vicende narrate ed i personaggi tenendo presente le caratteristiche fisiche e psicologiche che essi hanno mostrato nel corso del racconto, il sommarsi dei contributi, scritto fino a quel momento;

5) Un coautore che voglia far ritornare la narrazione al tempo presente della storia narrata, deve chiudere il flash back precedente;

6) Si può inserire massimo un personaggio nuovo ad ogni contributo, purchè questo non comporti una interruzione alla continuità logica degli eventi. Il numero di comparse è illimitato;

7) Si partecipa alla costruzione di novelainfinitanovela con invio di contributi originali di cui l'autore si assume piena responsabilità circa il contenuto e la paternità degli stessi. E' possibile inviare inserti narrativi successivamente alla registrazione dell'autore alla mailing list (registrazione chiusa al 19/12/2993), strumento di discussione sullo sviluppo stesso del romanzo. E' sufficiente iscriversi una sola volta, anche per invio in tempi differenziati di più inserti narrativi. Identificativo sarà la casella di posta elettronica. E' possibile firmarsi col proprio nome e cognome o con un alias o del tutto anonimo. Le firme saranno codificate sotto forma di note a margine alla fine del lavoro. E' comunque possibile spedire un proprio brevissimo profilo per la sezione Archivio/Profili, dove sarà specificato la partecipazione come co-autore a Novelainfinitanovela;

8) Dalla mailing list, appositamente dedicata a questo progetto e che funzoinerà essenzialmente come un laboratorio autogestito, sarà possibile cancellarsi in qualsiasi momento;

9) I curatori della rubrica si riservano la facoltà di intervenire, qualora fosse necessario, ad inserire - senza apportare variazioni di rilievo – brevi brani di collegamento tra uno e l'altro dei contributi inviati e selezionati;

10) La partecipazione alla rubrica NOVELAINFINITANOVELA è del tutto gratuita. I partecipanti alla stesura del romanzo, dei quali fosse selezionato un brano possono entrare a far parte di una ML, anch'essa gratuita, che resterà aperta per tutta la durata del progetto e che sarà gestita dalla curatrice della rubrica. Lo scopo è di trovarsi per discutere insieme l’andamento del romanzo;

11) La partecipazione a Novelainfinitanovela presuppone l'esplicito consenso al trattamento dei dati personali, legge 675/96, nonchè consenso all'uso del nome, qualora si decidesse di partecipare al "romanzo collettivo" con i propri dati personali e non con un nick;

12) L'editore NonSoloParole.com Edizioni, dopo le opportune verifiche, si riserva il diritto di pubblicare con la propria sigla il lavoro nel suo complesso, nato all'interno di questa rubrica.
Nessun compenso verrà riconosciuto ai co-autori;

13) La partecipazione al "romanzo collettivo" nella sezione Novelainfinitanovela presuppone l'esplicita accettazione del presente regolamento;

14) Trattandosi, DIARIO DI BORDO, di un romanzo che viene scritto sotto forma di diario e che ha due protagonisti principali, specificare a quale dei due protagonisti, volete vada ad aggiungersi, se scelto, il vostro contributo.

I contributi scelti ed eventualmente commentati nella mailing list, saranno pubblicati on line quindicinalmente;

Buon lavoro!

 

DIARIO DI BORDO
Presentazione di Anna Perrino

"Come petali di un fiore formano le parole una corolla variopinta nella nostra vita.
Mettiamo un po' di noi in ogni frase che pronunciamo.
Anche quando non pare, con le parole portiamo intorno a noi amore o rabbia,
fiducia o prevenzione, presenza o lontananza... da noi e dagli altri.
Un po' delle nostre emozioni nel veicolo di una frase o di un sorriso ed è più facile
aprire tra noi e gli altri le porte della comprensione."
(Riflessione di Anna Perrino)

Nel nostro caso le parole si, ma sono quelle scritte a cui affidiamo il compito di portare un po' di noi in ciò che con esse andiamo a costruire. Un po' dei nostri sogni, un po' del nostro vissuto o anche solo della nostra fantasia, un po' della nostra voglia di emergere e farci conoscere...
Un po' per stare insieme e condividere i momenti di un bel gioco e per conoscere, grazie a questo, altre persone con cui di tanto in tanto, scambiare quattro chiacchiere.
Nello scrivere insieme un racconto a più mani non facciamo altro che prendere dentro noi qualcosa di prezioso e di importante e compiere il gesto di donarlo, a chi lo leggerà. Che sia un dono della più pura fantasia o uno scorcio del panorama della nostra anima, già nel momento in cui lo scriviamo sappiamo che, da qualche parte e in qualche modo... qualcuno *dentro di noi* potrà riconoscersi, rispecchiarsi... e perché no?... magari anche ri-trovarsi… Un po':-)
Lo scritto vuole essere il momento di intimità più assoluta tra sé e i propri pensieri, le emozioni e i ricordi raccontati ai fogli di un diario, ognuno il suo, di un uomo e di una donna: Andrea e Paola che… separatamente, senza conoscere uno l’esistenza dell’altro, iniziano un viaggio in treno. Di loro sappiamo solo ciò che i diari, nelle primissime pagine, ci hanno già svelato… Il resto, sarà quello che, una riga dopo l’altra, sveleremo insieme nel corso di un altro viaggio: quello che voi ed io intraprenderemo attraverso la possibilità che il net ci da di comunicare.
annaperrino



NOVELAINFINITANOVELA
Presentazione di Raffaele Calafiore

Riparte, sotto la guida della brava Anna Perrino, l’esperimento o se volete il laboratorio NOVELAINIFNITANOVELA. Come la stessa Anna nella sua presentazione ci dice, le parole sono il costrutto di un senso tutto a divenire.
Quando parliamo, iniziamo a mettere insieme le parole per trasmettere un senso, l’architettura di un pensiero si è già compiuta. Iniziamo a parlare, sapendo cosa dire, dando un tono ed un peso alle parole affinché chi ci ascolta, possa percepire quanto stiamo per comunicare che poi è quanto abbiamo pensato. E le parole continuano ad uscire inseguendo quella singolare architettura che ci permetterà , nell’insieme, di trasmettere quanto pensiamo e proviamo. Nel caso di un romanzo collettivo, tutte le ipotesi, le architetture saltano. Quando si pensa ad un personaggio, e lo si comincia a strutturare, nella psicologia e nel contesto, ogni scrittore, famoso o in erba che sia, segue una propria architettura, sapendo cosa dirà o farà il personaggio da qui a X pagine. Ma in un romanzo collettivo, dove continuamente si perdono le coordinate dell’architettura, per forza di cose, nelle parole che regaliamo, finiamo con l’essere messi da parte rispetto al nostro steso disegno, consapevoli di partecipare ad un qualcosa in cui, e mai come in questo caso, nel momento in cui le rendiamo pubbliche, non ci appartengono piu’, nel modo piu’ assoluto. Altri daranno gioia a chi abbiamo dato un accenno di tristezza o viceversa….daranno parole dove abbiamo previsto silenzi e, tante saranno le situazioni limite in cui ci troveremo e probabilmente faticheremo per ridare un senso, il nostro, agli eventi.
Non è facile il compito che Anna Perrino ha scelto di sostenere in questo laboratorio. Un compito impegnativo, innanzitutto nella gestione di una Mailing List che, per non rendere eccessivamente dispersivo il lavoro, abbiamo chiuso in un numero massimo di trenta persone. Ma è facile immaginera che in un tempo non lunghissimo possano esserci delle uscite e delle nuove entrate.
Ad Anna e a voi tutti che deciderete di partecipare a questo laboratorio gratuito auguro buon lavoro e soprattutto
buon divertimento.
raffaele calafiore
In quel di Napoli era un caldissimo pomeriggio il 14 giugno del 2003.

 

Acquista libri su IBS

Titolo:
Autore:
Editore:
Argomento:
Esegui la ricerca: