Gli uomini guidati da Ottavio Bianchi che conquistarono il primo storico tricolore della storia azzurra. Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza sul nostro sito. “Quando vedo qualcuno festeggiare” ha detto al Corriere dello Sport, “ripenso a quelle ore, immediatamente successive alla conquista matematica: alla città che sembrava assediata. A brindare con i rappresentanti della squadra anche il ‘governatore’ della Campania: “Voi non avete vinto una semplice partita – dice Vincenzo De Luca – è stato un momento per noi tutti di un riscatto per il Sud e i meridionali“. “ Al termine della partita, Diego Armando Maradona s’è schierato al centro del campo per ricevere gli ultimi applausi mentre Michel Platini, il “re nudo” di questo momento bianconero, lasciava frettolosamente il terreno per dirigersi verso gli spogliatoi. Il secondo scudetto potrebbe essere datato prima, ma una prodigiosa rincorsa del Milan sancisce il trionfo della squadra rossonera che l'1 Maggio supera il Napoli al San Paolo. ... se non qualche vera e propria antipatia dovuta alle sue dichiarazioni quando sedeva sulla panchina del Napoli, ... la sfida Scudetto con la formazione di Sarri capace di imporsi per 2-1 con la doppietta di Cristiano Ronaldo nel giro di pochissimi minuti. Il napoli bisso la conquista dello scudetto a distanza di tre anni dalla prima affermazione. Testata Giornalistica Sportiva. Tutto sul calcio, Formula 1, Moto GP, Ciclismo, Tennis e altri sport. Iscriviti a Yahoo Answers e ricevi 100 punti oggi stesso. È la vittoria di Bruscolotti, che al 10 maggio 1987 ha dedicato il suo ristorante, del “Tota” Francesco Romano, il primo che Maradona abbraccia alla fine di quel leggandario Napoli-Fiorentina, pescato da Marino alla Triestina e chiamato a mettere ordine in squadra. Il resto è storia. Per celebrare il trentennale dell’evento abbiamo voluto raccontare quella splendida stagione con le 10 partite più significative del campionato. Il 10 maggio del 1987 il Napoli vinse il suo primo scudetto. Season summary. I campi obbligatori sono contrassegnati *. “A questo ci pensiamo noi”, Griezmann sceglie le treccine: il nuovo look dell'attaccante del Barcellona, Un tifoso gli chiede un autografo, la grande umiltà di Smalling che firma mentre fa la spesa, https://calcio.fanpage.it/napoli-10-maggio-1987-il-primo-scudetto-cambio-la-storia/, Spadafora: "Impossibile Serie A in campo a maggio". “Mio figlio è il figlio di Maradona. Festa in città, Sabatini:”Nessuna distinzione tra Inter e Jiangsu. Maradona, che alla prima giornata di campionato scherza in dieci metri tutta la difesa del Brescia, il primo ottobre 1986 stampa sul palo un rigor a Tolosa: finisce qui, per questione di centimetri, la Coppa Uefa degli azzurri. Fanpage è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Napoli n. 57 del 26/07/2011. Poi il Napoli Dopo il Napoli batte il Torino 3-1: la prima vittoria interna dell’anno con gol in rovesciata di Bagni,il primo gol di Ciro Ferrara in Serie A e il primo gol stagionale di Bruno Giordano. Conte svela alcune notizie su formazione Inter Napoli e parla del grande match scudetto. L'Inter perde contro l'Atalanta, che comunque non eviterà la retrocessione, e “O’ surdato nnammurato riecheggia al San Paolo. Due i momenti istituzionali, in Comune e alla Regione, per uno scambio di gagliardetti, palloni firmati e medaglie ricordo. Avessero lanciato una monetina, non avrebbe toccato terra. Anche perché l'Inter non sfrutta l'investimento sulla fisicità per imporre pressing e dominio, ma, persa palla, scappa. 10 come quel giorno di maggio, 10 come la maglia mitica di Maradona, 10 come un numero legato a doppio filo col destino. Due Napoli in piazza insieme, per una sola festa, che coinvolge perfino il cimitero dove campeggia uno striscione trionfo di umorismo nero: "E che vi siete persi". CTRL + SPACE for auto-complete. Primo scudetto, campionato a 16 squadre, 13 azzurri impiegati stabilmente (5 rincalzi). De Luca ha ricordato che in quella squadra vincente “c’erano 12 conterranei. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies. Il calciomercato in tempo reale 7 giorni su 7. La rosa e la formazione titolare del Napoli Campione d'Italia 1987. E quell'esplosione di gioia collettiva, in un calcio in cui ancora si giocava tutti insieme la domenica pomeriggio e i gol si vedevano solo alle 18,10 con Paolo Valenti, non sarebbe più possibile in un mondo del pallone che trent'anni dopo si muove al richiamo e al profumo dei soldi. Napoli primo scudetto: il 10 maggio 1987 passa alla storia del Calcio Napoli. Qui il calcio è qualcosa in più di una passione, sa di fede, quasi fosse una religione”. Bianconeri e nerazzurri lotterano fino alla fine per lo scudetto, insieme al Napoli. Napoli (4-2-3-1): Meret, Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic, Ghoulam; Demme, Bakayoko; Politano, Zielinski, Insigne; … Contro la Fiorentina che in quel periodo aveva come punta di diamante un certo Roberto Baggio, la micidiale formazione del Napoli da scudetto era così composta: in porta Claudio Garella, in difesa Giuseppe Bruscolotti, Moreno Ferrario, Alessandro Renica e Giuseppe Volpecina, a centrocampo Francesco Romano, Salvatore Bagni, Fernando De Napoli e il mitico Diego Armando Maradona, … ... per il difensore napoletano nella stagione del suo primo scudetto - Tutte le notizie sul Napoli. “ Garella, Bruscolotti, Ferrara, Bagni, Ferrario, Renica, Carnevale, De Napoli, Giordano, Maradona, Romano, allenatore Ottavio Bianchi ”. Quell'azzurro che tinteggiava ogni angolo, ogni auto, ogni maglia e ogni volto. Una giornata per parlare di riscatto di una città. Il primo non si dimentica mai. Trent’anni fa, oggi: la monetina più famosa del calcio italiano e l’ultimo Scudetto del Napoli, ai danni del Milan 8 aprile, come oggi: è il 1990, l’anno dei mondiali in Italia. Napoli si porta dentro la storia della capitale di un regno, la miseria e la nobiltà, la tragedia e il carnevale. Allenatore: Bianchi. ... Volpecina) e punta tutto sul talento di Maradona. In piazza di San Vincenzo alla Sanità, i calciatori hanno visitato la chiesa dedicata al santo, chiamato il Monacone, e si sono fermati davanti alla statua di Totò per foto e selfie con i tifosi, in via Santa Maria Antesaecula. Oggi la visione insieme terragna e filosofica di Sarri viene anche messa in discussione per una ripetizione di applicazioni non sempre efficaci soprattutto contro le piccole. Nel campionato dei fatturati e delle polemiche, delle milanesi di Cina che fanno di tutto per evitare il sesto posto, il secondo non basta più a una città che ha conosciuto il gusto del trionfo solo due volte nella sua storia. La stagione 1986-1987, vede il Napoli vincere il primo scudetto della sua storia e la Coppa Italia per la terza volta, realizzando così uno storico double. Direttore Responsabile: Rosa Mele P.Iva: 07533801218 Iscrizione ROC n. 23820 del 16/09/2013 Registrazione al tribunale di Napoli n. 3751 La stagione 1986/87 è l’anno dello Scudetto di Maradona e del primo Tricolore del Sud Italia. Il 10 maggio 1987 il Napoli conquista il primo scudetto. È l'eredità di quella storia, il marchio di un passato che nutre le ambizioni e trasforma una sconfitta contro il Real Madrid dei record in un fallimento. Ferlaino: quel giorno capimmo le due Napoli, La stagione: cruciali le vittorie sulla Juventus, L'Assocalciatori: "Se campionato finisce tuteliamo le categorie in difficoltà", Tommasi: "Stagione può chiudersi in anticipo", Inizia una settimana decisiva per il futuro della Serie A, Gravina: "Finiamo la Serie A, no a torneo a 22 squadre". Leggi su Sky Sport l'articolo 10 maggio 1987, Napoli Campione: il 1° scudetto! Ultimo aggiornamento: Mercoledi 16 Dicembre 2020, 18:10 ... Conte svela alcune notizie su formazione Inter Napoli e parla del grande match scudetto. Utilizzandolo accetti la nostra, Leggere Ulteriori Informazioni Sulla Richiesta, Scaricare Modello Curriculum Vitae In Inglese, Pomi D'ottone E Manici Di Scopa Streaming Film Per Tutti, Entrati Nella Stanza Di Fronte Analisi Grammaticale. Antonio Conte ha sciolto le riserve sugli ultimi dubbi di formazione per la partita di stasera a San Siro con il Napoli. Quando gli italiani protesteranno a Roma e saranno più di un milione. Il primo scudetto del Napoli, fu salutato in Italia come un successo straordinario perchè a guidare in campo quel gruppo di calciatori che vinsero quel titolo, c’era Diego Armando Maradona, l’idolo della città. Chi vincerà il derby Calabbrese d'italia Rubentus-Crotone? Non era cominciata bene, però, la stagione della storia. Il Napoli ha comunicato la formazione ufficiale che scenderà in campo stasera contro la Lazio. Per la prima volta, una città del sud ha vinto il campionato di Serie A. Vincere è complicato, ripetersi lo è ancora di più. Alle 17.47 del 10 maggio 1987 Napoli entra nella geografia del pallone come quindici anni prima, Brera insegna, Cagliari aveva portato la Sardegna de facto in Italia. Napoli è mille colori, ma per un giorno, per un momento, corse tutta insieme a vedere il colore del vento. La formazione del Napoli è: Giuliani, Ferrara, Francini, Corradini, Alemao (Carannante), Renica, Fusi, De Napoli, Careca (Bigliardi), Maradona, Carnevale. La Napoli di oggi, di De Laurentis e Mertens, di Callejon e Insigne, è ricordo e cazzimma, è provincia e mondo insieme. In porta Gigio Donnarumma , non ci sono dubbi. È l’anno dello Scudetto del Napoli. Non a caso, il Mattino, il quotidiano cittadino, titolerà a tutta pagina “Vincenapoli” il lunedì successivo. È la vittoria di Caffarelli, napoletano del centro cresciuto nel settore giovanile d’una formazione che nel 1978 aveva vinto il titolo Primavera. Uno scudetto, una città. E dato che trionfare nel campionato di calcio per una formazione … Il 20 settembre, dalla stanza numero 509 della clinica Sanatrix, Cristiana Sinagra, 22 anni, annuncia di aver partorito un figlio nato da una relazione con il Pibe de Oro. Per la matematica, basta il pareggio contro la Fiorentina: gol di Carnevale e prima rete in A di Baggio. È l'eredità di quella storia, il marchio di un passato che nutre le ambizioni e trasforma una sconfitta contro il Real Madrid dei record in un fallimento. È una festa appassionata, che cancella anche i pregiudizi sulla Napoli del caos, dell’entusiasmo balordo. Napoli calcio 1986-1987 ultima modifica: 2009-05-17T11:06:00+02:00 da vecio4 Reposta per primo quest’articolo Questo articolo è stato pubblicato in 1°Scudetto da vecio4 . "Avevo sempre lottato per questo sogno mio e dei napoletani di vincere lo scudetto – ha detto all'Ansa Ferlaino – più volte ci siamo andati vicini, ma alla fine ci mancava quella fiducia in noi stessi, quello spirito vincente. Vedere per credere la torsione di testa a pelo d'erba contro la Sampdoria, le magie e il gol quasi dalla riga di fondo contro il Milan. Il santo laico di una sacra liturgia domenicale racchiude il senso di un'alchimia collettiva, di uno spirito di rivalsa, di un affetto anche eccessivo, della stretta di un mondo che nel calcio cerca un mondo nel quale valga la pena di trovare un posto. Quel vento del cambiamento col volto e il nome di Diego Armando Maradona. Tutti i servizi della Domenica Sportiva nell'anno 1987/1988 Le acrobazione di Tony Hawk: quello che fa sullo skate è assurdo, Esame Suarez: “Gli dobbiamo fare una roba da principianti”. We also use third-party cookies that help us analyze and understand how you use this website. Il primo, difficile, Scudetto di Sarri. Nel campionato dei fatturati e delle polemiche, delle milanesi di Cina che fanno di tutto per evitare il sesto posto, il secondo non basta più a una città che h… Lo chiamerò Diego Armando junior”. La festa di e per il D10S, per l'eroe venuto a completar l'impresa, a sollevare una città contro l'altra Italia, quella dei potenti e dei milioni, della Juventus e dell'Inter, di cui si celebrano deridenti funerali per la città. Le partite decisive che hanno portato la squadra in cima alla … La stagione 1986-1987, vede il Napoli vincere il primo scudetto della sua storia e la Coppa Italia per la terza volta, realizzando così uno storico double. S.S.C. Chiama Bruscolotti, che l'anno prima gli aveva ceduto la fascia di capitano in cambio di una promessa: è la mia ultima occasione, fammi vincere lo scudetto. Gli uomini guidati da Ottavio Bianchi che conquistarono il primo storico tricolore della storia azzurra. Fatemi una classifica dei 10 quartieri più malfamati di Napoli ? La festa di una città intera, mai così unita. Pescara, Pisa and Cesena had been promoted from Serie B.. FORMAZIONI JUVE, 2011/2012 – La Juventus, con Antonio Conte in panchina, vince il suo primo Scudetto.

Quant'è Bella Roma Centro Traffik, App Per Guadagnare Soldi 2020, Mclaren 570s Prezzo, Pubblicare Con Adelphi, Bagni Villamarina Di Cesenatico, Migliori Marche Cibo Gatti, Ultime Notizie Legnago Oggi, L'impiegato Comunale Manuale Completo 2020, Bando Trasferimento Medicina 2020 Bologna, Formazione Napoli 1990,